CULTURA & SOCIETA'

Maria SS racconta la Notte Santa del Natale

Straordinaria testimonianza integrale della Madre della Vita.

di PASQUALE BALDINO e i suoi Tralci

“Figli prediletti, vivete con Me, nel silenzio e nella preghiera le trepide ore della vigilia. Camminate col mio castissimo sposo Giuseppe e con la vostra Mamma Celeste sulla lunga strada, che da Nazareth ci sta conducendo verso Betlemme. Sentite anche voi la fatica del viaggio, la stanchezza che ci prende, la fiducia che ci porta, la preghiera che accompagna ogni passo, mentre la beatitudine sovrumana riempie i nostri cuori, uniti ormai in comunione perfetta col cuore del Padre Celeste, che sta per aprirsi al dono del suo Figlio Unigenito. Non ci turba il rumore della numerosa carovana, né sconforto ci prende di fronte a tutte le porte che si chiudono alla nostra domanda di essere accolti.

La mano pietosa di un pastore ci indica una povera Grotta, che si apre al più grande e divino prodigio. Sta per nascere alla sua vita umana l’Unigenito Figlio del Padre. Sta per scendere sul mondo il suo Amore Misericordioso, fatto uomo nel Figlio che nasce da me sua Vergine Madre. Dopo lunghi secoli di attesa e di orante implorazione, finalmente giunge a voi il Salvatore ed il vostro Redentore. E’ la notte santa. E’ l’alba che sorge sul nuovo giorno della vostra salvezza. E’ la Luce che risplende nella tenebra profonda di tutta la storia. Il mio sposo Giuseppe cerca di rendere più ospitale la gelida Grotta e si dà da fare per trasformare una povera mangiatoia in una culla. Io sono assorta in una intensa preghiera ed entro in estasi col Padre Celeste, che mi avvolge della sua luce e del suo amore, mi riempie della sua pienezza di vita e di beatitudine, mentre il Paradiso, con tutte le sue schiere angeliche, si prostra in atto di adorazione profonda.

Quando esco da questa estasi, mi trovo fra le braccia il mio divino Bambino, miracolosamente nato da me sua vergine Madre. Io lo stringo al mio cuore, lo ricopro di teneri baci, lo riscaldo col mio amore di mamma, lo avvolgo di candidi panni, lo depongo nella mangiatoia ormai pronta. Il mio Dio è tutto presente in questo mio Bambino. La misericordia del Padre traspare nel neonato che emette i suoi primi gemiti di pianto. La Divina Misericordia ha dato a voi il suo frutto: prostriamoci insieme e adoriamo l’Amore Misericordioso che è nato per noi “-. E’ un Messaggio testuale della Madre della Vita a Don Stefano Gobbi nel volume “Ai Sacerdoti figli predilettI della Madonna” del 24 dicembre 1995, con imprimatur della Chiesa Cattolica.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex