Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Oh Maria: con la tua nascita hai annunciato la gioia a tutti

di Pasquale Baldino e i suoi Tralci

Tra le tante e coinvolgenti feste patronali e religiose, particolarmente suggestiva è la festa della Natività della Beata Vergine Maria che celebriamo ogni anno, come si fa in tutte le famiglie, con amore e fiducia e ci raccogliamo in atto di profonda venerazione intorno alla culla in cui è deposta dopo la nascita. I fortunati genitori di Maria furono S. Gioacchino e S. Anna e la sua nascita fu preannunziata fin dall’inizio quando il Signore promise all’umanità decaduta un’altra donna che avrebbe schiacciato il capo al serpente. E giunta la pienezza dei tempi, Maria apparve come stella mattutina nel mare tempestoso del mondo, pura, santa, piena di grazia. Maria nacque santa, poiché fu concepita senza macchia originale e piena di ogni grazia. Attorno alla sua culla tutto il Paradiso si raccoglie festante, perché la SS Trinità riceve la sua gloria più grande. Il Padre celeste contempla compiaciuto il Capolavoro del suo amore, che dalla eternità ha decretato nel disegno della sua divina Sapienza. Il Verbo gode perché può finalmente vedere quella Creatura che Lui stesso si è preparato come Madre, per la sua nascita nel tempo. Lo Spirito Santo esulta, perché viene da Lui posseduta, come suo tempio sacro ed inviolato, per il suo divino disegno. Attorno alla sua culla si raccolgono tutti gli Spiriti Celesti, perché contemplano nella piccola bambina appena nata colei che è destinata a diventare la loro Regina. Attorno alla sua culla sono oggi riuniti tutti i figli chiamati e consacrati al Suo Cuore Immacolato per far parte della Sua schiera vittoriosa, l’alba dei tempi nuovi per la Chiesa e per tutta l’umanità: con i piccoli, gli umili, i poveri di spirito e di beni, i semplici, i deboli.

E lunedì 12 settembre altra importante ricorrenza per la Chiesa: SS NOME DI MARIA.

Oh Maria: con la tua nascita hai annunciato la gioia a tutti

di Pasquale Baldino e i suoi Tralci

Ads

Tra le tante e coinvolgenti feste patronali e religiose, particolarmente suggestiva è la festa della Natività della Beata Vergine Maria che celebriamo ogni anno, come si fa in tutte le famiglie, con amore e fiducia e ci raccogliamo in atto di profonda venerazione intorno alla culla in cui è deposta dopo la nascita. I fortunati genitori di Maria furono S. Gioacchino e S. Anna e la sua nascita fu preannunziata fin dall’inizio quando il Signore promise all’umanità decaduta un’altra donna che avrebbe schiacciato il capo al serpente. E giunta la pienezza dei tempi, Maria apparve come stella mattutina nel mare tempestoso del mondo, pura, santa, piena di grazia. Maria nacque santa, poiché fu concepita senza macchia originale e piena di ogni grazia. Attorno alla sua culla tutto il Paradiso si raccoglie festante, perché la SS Trinità riceve la sua gloria più grande. Il Padre celeste contempla compiaciuto il Capolavoro del suo amore, che dalla eternità ha decretato nel disegno della sua divina Sapienza. Il Verbo gode perché può finalmente vedere quella Creatura che Lui stesso si è preparato come Madre, per la sua nascita nel tempo. Lo Spirito Santo esulta, perché viene da Lui posseduta, come suo tempio sacro ed inviolato, per il suo divino disegno. Attorno alla sua culla si raccolgono tutti gli Spiriti Celesti, perché contemplano nella piccola bambina appena nata colei che è destinata a diventare la loro Regina. Attorno alla sua culla sono oggi riuniti tutti i figli chiamati e consacrati al Suo Cuore Immacolato per far parte della Sua schiera vittoriosa, l’alba dei tempi nuovi per la Chiesa e per tutta l’umanità: con i piccoli, gli umili, i poveri di spirito e di beni, i semplici, i deboli.

Ads

E lunedì 12 settembre altra importante ricorrenza per la Chiesa: SS NOME DI MARIA.

Nel nome di Maria SS, Mamma Celeste, sono stati sconfitti i turchi il 12 settembre 1683, quando assediavano la città di Vienna e minacciavano di invadere e di distruggere tutto il mondo cristiano. Erano molto superiori in forza, in numero ed in armi e sentivano che per loro la vittoria era sicura. Ma è stata pubblicamente invocata e pregata Maria SS, il suo immenso Nome è stato scritto sui vessilli e gridato dai soldati e così, per la sua onnipotente intercessione, è avvenuto il miracolo di questa strepitosa vittoria, che ha salvato il mondo cristiano dalla sua distruzione. E’ per questo motivo che il Papa ha istituito, in questo giorno, la solenne festa del Nome di Maria SS. Nel Nome di Maria, in queste Nazioni è stato sconfitto il comunismo marxista, che da decenni esercitava il suo dominio e teneva sotto pesante e sanguinosa schiavitù tanti poveri figli. Non a causa di movimenti o di uomini politici, ma solo per il personale intervento di Maria SS è avvenuta finalmente questa liberazione dei Paesi dell’Est europeo. E sarà ancora nel Nome di Maria SS che Lei, onnipotente per grazia, porterà a compimento la sua Opera con la sconfitta della massoneria, di ogni forza diabolica, del materialismo, dell’ateismo pratico, perché tutta l’umanità possa giungere al suo incontro col Signore e sia così purificata e completamente rinnovata, col trionfo del suo Cuore Immacolato nel mondo. E’ per questa ragione che Lei, Sposa dello Spirito Santo Dio, desidera venga ripristinata la Festa in onore del SS Nome di Maria, ora che siamo entrati nei momenti più forti della lotta e nella parte più dolorosa della grande tribolazione (dal ‘Libro Azzurro’di Padre Stefano Gobbi, pag. 852/853). La Madonna continua a parlarci, come nell’ultimo messaggio da Medjugorije del 25 agosto scorso, e dice: “Cari figli Dio mi permette di stare con voi e di guidarvi sulla via della pace affinché attraverso la pace personale, possiate costruire la pace nel mondo. Io sono con voi ed intercedo per voi presso mio Figlio Gesù affinché vi doni la fede forte e la speranza nel futuro migliore che desidero costruire con voi. Voi, siate coraggiosi e non temete perché Dio è con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Nel nome di Maria SS, Mamma Celeste, sono stati sconfitti i turchi il 12 settembre 1683, quando assediavano la città di Vienna e minacciavano di invadere e di distruggere tutto il mondo cristiano. Erano molto superiori in forza, in numero ed in armi e sentivano che per loro la vittoria era sicura. Ma è stata pubblicamente invocata e pregata Maria SS, il suo immenso Nome è stato scritto sui vessilli e gridato dai soldati e così, per la sua onnipotente intercessione, è avvenuto il miracolo di questa strepitosa vittoria, che ha salvato il mondo cristiano dalla sua distruzione. E’ per questo motivo che il Papa ha istituito, in questo giorno, la solenne festa del Nome di Maria SS. Nel Nome di Maria, in queste Nazioni è stato sconfitto il comunismo marxista, che da decenni esercitava il suo dominio e teneva sotto pesante e sanguinosa schiavitù tanti poveri figli. Non a causa di movimenti o di uomini politici, ma solo per il personale intervento di Maria SS è avvenuta finalmente questa liberazione dei Paesi dell’Est europeo. E sarà ancora nel Nome di Maria SS che Lei, onnipotente per grazia, porterà a compimento la sua Opera con la sconfitta della massoneria, di ogni forza diabolica, del materialismo, dell’ateismo pratico, perché tutta l’umanità possa giungere al suo incontro col Signore e sia così purificata e completamente rinnovata, col trionfo del suo Cuore Immacolato nel mondo. E’ per questa ragione che Lei, Sposa dello Spirito Santo Dio, desidera venga ripristinata la Festa in onore del SS Nome di Maria, ora che siamo entrati nei momenti più forti della lotta e nella parte più dolorosa della grande tribolazione (dal ‘Libro Azzurro’di Padre Stefano Gobbi, pag. 852/853). La Madonna continua a parlarci, come nell’ultimo messaggio da Medjugorije del 25 agosto scorso, e dice: “Cari figli Dio mi permette di stare con voi e di guidarvi sulla via della pace affinché attraverso la pace personale, possiate costruire la pace nel mondo. Io sono con voi ed intercedo per voi presso mio Figlio Gesù affinché vi doni la fede forte e la speranza nel futuro migliore che desidero costruire con voi. Voi, siate coraggiosi e non temete perché Dio è con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex