POLITICAPRIMO PIANO

Pilato, “schiaffo” a Enzo: «La tessera del Pd? Non la meriti»

Il segretario del circolo di Ischia attacca il sindaco Ferrandino dopo il suo intervento in occasione della manifestazione dei lavoratori stagionali svoltasi in Piazza venerdì scorso

DI LELLO PILATO

Il sindaco d’Ischia non merita la tessera del Partito Democratico, così come non è degno e non merita di appartenere a qualsivoglia partito o forma di organizzazione associativa, democratica e pluralista. Il sindaco d’Ischia dimentica o forse ignora che i valori e i principi della democrazia come recita la costituzione, si esercitano a mezzo dei partiti politici, tutti i partiti.

Egli dal primo giorno del suo mandato di primo cittadino della nostra comunità ha sempre ignorato e confermato a più riprese di non possedere gli elementi basici e fondanti della condivisione, della partecipazione e del senso di appartenenza. Piuttosto che abbandonarsi a litigi e preoccupanti isterismi con i manifestanti, che legittimamente chiedono il riconoscimento del loro sacrosanto e negato diritto al sostentamento personale e delle relative famiglie, si sforzi di informare e spiegare con pacata civiltà il perché degli assurdi cavilli burocratici e legislativi che non riconoscono lo status di lavoratore stagionale e che coinvolgono l’Inps e una farraginosa e lacunosa legislazione dei contratti di lavoro.

Piuttosto che strapparla, la indossi con orgoglio e responsabilità la fascia tricolore e si rechi a Roma a perorare la giusta causa dei propri concittadini e proponga soluzioni che sicuramente esistono e sono percorribili. Lo faccia subito, prima che sia troppo tardi e magari si faccia accompagnare dal vicesindaco Di Vaia, esperto conclamato di politiche e legislazione del turismo oltre che ottimo conoscitore di tecniche di comunicazione. Per buona pace e solo per il momento mi astengo dal commentare la scellerata proposta di elargizione di un milione e seicentomila euro alle imprese nei modi e nelle forme che appaiono molto discutibili. Per quanto riguarda la tessera del Partito Democratico, sarò orgoglioso di negargliela in un prossimo futuro per dichiarata indegnità. Il sindaco d’Ischia continua palesemente a manifestare la propria incapacità e inadeguatezza nell’esercizio del mandato che inopportunamente esercita.

* SEGRETARIO CIRCOLO PD ISCHIA

Tags

Articoli Correlati

Un commento

  1. Te ne sei accorto bene meglio tardi che mai! Adesso soluzioni non solo invettive quelle lascialo a noi non stagionali tempo determinato indeterminato e sottolineo somministrati ,la più schifosa di tutte

Rispondi

Back to top button
Close