ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Rischia di annegare in piscina: fuori pericolo la sedicenne

di Isabella Puca

Lacco Ameno – Poteva essere una tragedia di San Lorenzo, ma per fortuna l’evento si è risolto nel migliore dei modi. Protagonista della sfortunata vicenda una ragazzina di 16 anni, ospite della nostra isola insieme alla sua famiglia. Dovevano essere le tanto meritate vacanze, dove al centro dei giorni doveva esserci solo e soltanto il relax e invece, la famiglia, si è trovata a vivere attimi di panico. La ragazza, nel pomeriggio di martedì scorso, stava facendo il bagno in una delle piscine della struttura ricettiva di cui era ospite nel comune di Lacco Ameno quando, d’un tratto, uno dei filtri della piscina le ha risucchiato i capelli, bloccandola sul fondo della piscina e facendole bere molta acqua. A essere quasi fatale, una semplice nuotata sott’acqua troppo vicino, però, a quel filtro maledetto. Il panico si è subito scatenato a bordo piscina dell’hotel. A intervenire per primo è stato proprio il padre della sfortunata ragazza, medico in vacanza sulla nostra isola, subito aiutato dallo staff dell’albergo. Sono trascorsi diversi minuti prima che riuscissero a liberare la sedicenne che ha rischiato, in un caldo pomeriggio di agosto, di morire annegata. Appena fuori dall’acqua è subito partita la corsa in Ospedale; la piccola è stata, infatti, ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ “Anna Rizzoli” di Lacco Ameno. Dopo alcune ore di apprensione e una notte trascorsa nel nosocomio lacchese, grazie alle cure dei nostri medici, le condizioni della ragazza, protagonista di questa brutta vicenda, sono migliorate ed è, infatti, prossima a tornare a casa. Non è stato necessario il trasferimento in terraferma. Quest’episodio, che per fortuna si è risolto nel migliore dei modi, stava ripiombando l’isola in un clima davvero poco sereno, lo stesso avvertito un paio di anni fa quando, a ridosso del ferragosto,  ci furono una serie di incidenti, uno dietro l’altro. Per fortuna però, questa brutta vicenda di cronaca, che ha tenuto col fiato sospeso chi era lì e l’intero staff dell’Hotel lacchese ha avuto un suo lieto fine. Speriamo che presto la famiglia coinvolta in quest’assurda vicenda possa tornare sull’isola, dimenticando il triste episodio e riempire i bagagli del ritorno solo di belle esperienze.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close