Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Riuscita l’operazione pulizia nella Pineta Mirtina

Alla fine è stato accontentato, e non a caso il suo commento a fine pomeriggio è di quelli che non si prestano affatto ad interpretazioni di sorta: «È incredibile quanta gente sia accorsa alla Giornata Ecologica. più di 40 persone tutte intente a ripulire e sistemare la pineta Mirtina! Tanti bambini e questo è stato davvero bellissimo, grazie a tutti». Parole e musica di Giovanni Cricco, che aveva annunciato nei giorni scorsi questa giornata ecologica in programma nel pomeriggio di ieri e che aveva suonato la carica invitando nel polmone verde di Ischia tutti gli uomini e le donne (ma anche i più piccoli, per cominciare a trasmettere loro sani valori) di buona volontà. Un appello che il giovane attivista – protagonista sul blog Ischia Cosa non Funziona – aveva promosso proprio con un tam tam che si era sviluppato attraverso i social network. La presenza di un pubblico in ogni caso notevole di persone è una risposta che lascia ben sperare per il futuro, perché significa che sull’isola c’è ancora gente che ha senso civico e voglia di profondere energie e impegno per il patrimonio collettivo, e certamente le pinete rappresentano una risorsa imprescindibile della nostra splendida isola.

L’evento, che già si dice sia pronto ad essere replicato, ha ottenuto il plauso non soltanto dei turisti ma anche di alcuni ospiti di Ischia che non a caso hanno ringraziato sentitamente sui social per la buona azione portata a compimento. A proposito, per ripulire la pineta è servito un impegno notevole e soprattutto sono stati riempiti diversi sacchi ricolmi di rifiuti di ogni genere, segno evidente questo di quanto l’amministrazione avesse ormai abbandonato la Pineta Mirtina nel più assoluto degrado. Per fortuna stavolta, a sostituirsi ai politici, ci hanno pensato cittadini volenterosi. La replica, dicevamo, è scontata, anche a giudicare dal commento finale di Giovanni Cricco: «Ecco questa è l’Ischia che funziona, che sa scendere in campo per cambiare le cose. Perché tutti insieme lo si può fare. Siamo noi i padroni di questo paradiso e spetta a noi prendercene cura. E soprattutto è troppo importante trasmettere alle generazioni future il rispetto dell’ambiente e della nostra terra. Infine volevo ringraziare tutti i partecipanti e le persone che mi sostengono. Davvero grazie a tutti, insieme possiamo cambiare quest’isola. Alla prossima». Che dire, bravi davvero.

Corrado Roveda

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x