CRONACAPRIMO PIANO

San Carlo solidale, strumenti musicali per il Liceo Ischia

Mercoledì sera grande successo per il gala fundraising svoltosi presso il Teatro napoletano alla presenza di una folta e qualificata platea. Il direttore Lissner: «Vogliamo essere vicini all’isola»

Strumenti musicali in dono per gli studenti del Liceo Buchner di Ischia. Tutto esaurito mercoledì sera al Teatro San Carlo di Napoli dove era in programma il gala fundraising successivo alla frana che lo scorso 26 novembre ha provocato morte e distruzione in quel di Casamicciola. Ad andare in scena dinanzi ad una platea qualificata (tra questi il capo di gabinetto dell’ufficio del ministro Sangiuliano, Francesco Gilioli) Il Lago dei Cigni (diretto da Martin Yates) e nulla meglio delle parole del sovrintendente e del direttore del Teatro Stéphane Lissner spiegano le finalità dell’iniziativa: «Vogliamo essere concretamente vicini alla tragedia che ha colpito l’isola di Ischia. Acquisteremo strumenti musicali per gli allievi dell’isola per un valore di 40-50mila euro».

In sala anche il sindaco di Napoli e della Città Metropolitana, Gaetano Manfredi, che ha detto: «Come sindaco di Napoli e della Città metropolitana mi sono adoperato da subito per garantire il massimo sostegno istituzionale a Casamicciola e alle vittime della tragedia. Da più parti ci è stato chiesto poi di dare una mano concreta: questa serata speciale al San Carlo con una raccolta fondi esprime tutta la nostra vicinanza e il nostro affetto all’intera comunità ischitana, messa in ginocchio dalla catastrofe della scorsa settimana“Con il San Carlo ci è parso subito doveroso sostenere soprattutto i più giovani. Lo faremo attraverso un progetto di formazione musicale che possa restituire agli studenti una parvenza di normalità e il conforto che solo la musica riesce a dare».

Dal canto suo Emmanuela Spedaliere, direttore generale del Teatro San Carlo, ha voluto rimarcare come «il Gala per Ischia rientra nelle attività del San Carlo per il sociale: il nostro pubblico ha risposto con grande entusiasmo all’appello per l’isola ferita, al fine di poter restituire un sorriso ai ragazzi che tanto hanno dato nei giorni della tragedia, spalando il fango insieme ai soccorritori. Abbiamo pensato di donare degli strumenti musicali per allestire laboratori di musica. Perché la cultura e la musica sono motori fondamentali per la crescita dei giovani. E mettiamo a disposizione anche i nostri artisti per un ciclo di lezioni per formare al meglio i ragazzi dei licei musicali».

Tra i presenti in sala anche Massimiliano Gallo, reduce dal successo riscosso su Rai Uno con “Filumena Marturano” che ha voluto lanciare un monito: «Questa iniziativa è nobile ma dovremo continuare a stare vicino agli ischitani anche quando sarà iniziato il tempo della memoria. Quanto alla questione dei tagli alla cultura, sono tra i fondatori di Unita, una fondazione di interpreti nata per difendere la categoria. Molti non hanno capito che senza la cultura questo Paese morirà. La bellezza, e quindi la salvezza, si possono raccontare solo attraverso la cultura. Non capisco i politici che intendono operare questi tagli. Cercheremo di combattere rispetto a questo». Già, perché i tagli alla cultura sono stati un altro leit motiv ricorrente della serata dedicata ad Ischia. Ma questa, almeno vista dal nostro microcosmo, è un’altra storia. Almeno per una sera. Intanto, grazie a tutti di vero cuore.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex