ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Sequestro fogne a Lacco, il Comune si difende

LACCO AMENO. Dopo l’improvviso sequestro del cantiere dei lavori fognari da parte della Guardia Costiera nel comune del Fungo, l’ente cerca di correre ai ripari, nominando l’avvocato Cristiano Rossetti come difensore dell’ingegner Gaetano Grasso. Quest’ultimo, nella sua veste di responsabile dell’Ufficio Tecnico, è infatti il formale destinatario del verbale di sequestro col quale i militari hanno interdetto l’area demaniale
interessata dai lavori, per la mancanza del titolo autorizzativo, che peraltro doveva essere rilasciato dallo
stesso Comune. A nulla era infatti valso il fatto che il dirigente avesse sottoscritto il titolo di concessione temporaneo, chiedendo all’autorità costiera di non procedere al sequestro, anche in considerazione della circostanza che i lavori fognari sono di pubblica utilità. La misura del sequestro infatti pregiudica seriamente
il completamento dei lavori di ristrutturazione fognaria, col rischio di far perdere al comune i finanziamenti
del fondo europeo di sviluppo regionale, pari a circa due milioni e mezzo di euro. Un danno dagli esiti
potenzialmente disastrosi per le casse comunali, già in dissesto finanziario. Il Comune ha altresì nominato
per la difesa e la tutela dei propri interessi anche l’avvocato Ferdinando Scotto. A entrambi i professionisti verrà corrisposto il compenso complessivo lordo di € 1.500,00 , nell’auspicio che pongano in essere tutte le
azioni possibili per assicurare la ripresa in tempi rapidi dei lavori fognari.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close