Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Sicurezza e legalità, la ricetta del Prefetto di Napoli

Marco Valentini per la prima volta in visita sull’isola. Diversi i punti toccati presso il municipio di Ischia, in primis la necessità di proseguire la linea dura delle demolizioni nel tema dell’abusivismo edilizio. La domanda che suscita imbarazzo: “Ma dov’è la minoranza?”. Poi la visita alle forze dell’ordine presenti sul territorio

E’ sbarcato puntuale come un orologio svizzero, a bordo di una motovedetta della Guardia Costiera, accompagnato dal suo staff (in primis la dott.ssa Nigro, responsabile degli enti locali per l’ufficio territoriale di governo) e ricevuto a porto d’Ischia dal dirigente del commissariato di polizia di Ischia, Maria Antonietta Ferrara. Per il prefetto di Napoli Marco Valentini prima tappa al Comune d’Ischia, prima visita ufficiale sulla nostra isola e – visto che siamo in tema di statistiche – prima volta di un prefetto all’interno della casa municipale di Ischia. Nella sala consiliare ad attenderlo c’è il sindaco Enzo Ferrandino (che gli fa dono di un prezioso volume recante foto antiche della nostra splendida isola), con lui il vicesindaco Luigi Di Vaia, gli assessori Paolo Ferrandino, Carolina Monti e Liviana Buono, i consiglieri comunali Gianluca Trani, Gennaro Scotti e Carmen Criscuolo, il segretario comunale Francesco Ciampi, il vicesegretario Lello Montuori ed alcuni operatori dell’informazione. Valentini si accomoda ed esordisce ammettendo che per lui si tratta della “prima volta” sulla nostra isola, dove si era recato soltanto da bambino e di cui ha avuto modo di ammirare la straordinaria bellezza anche mentre si avvicinava al porto via mare. Poi arriva il saluto del primo cittadino che naturalmente nemmeno lontanamente sfiora la polemica dello scorso anno (legato all’annullamento della ormai “storica” ordinanza che voleva vietare l’accesso sull’isola ai turisti provenienti da Lombardia e Veneto) e che fa un primo quadro generico dello stato dell’arte del territorio ischitano e isolano in genere.

L’ISOLA COVID FREE, DE LUCA E IL TRACCIAMENTO DEI TURISTI

Nel corso della chiacchierata saranno tanti i temi toccati, con Marco Valentini che detterà sempre la linea cercando di compulsare i propri interlocutori e provando a coinvolgere nel dibattito anche gli altri presenti e non soltanto il primo cittadino che nella prima mezz’ora praticamente lo monopolizza. L’attenzione cade subito sull’imminente visita del governatore Vincenzo De Luca, che sarà a Ischia domani mattina, e soprattutto sulla sua iniziativa tesa a rendere le isole covid free. Un’iniziativa che Enzo Ferrandino – rivolgendosi al Prefetto – non esita a definire virtuosa. “L’attenzione mediatica nazionale e anche internazionale (a Ischia ha fatto tappa anche una tv olandese, ndr) nei confronti di Ischia, Capri e Procida è stato un veicolo straordinariamente trainante. Non va dimenticato che le isole vivono di immagine e sotto questo aspetto la campagna vaccinale promossa dal governatore è stato uno strumento davvero importante”. Marco Valentini ha raccomandato l’importanza di riuscire a tracciare anche i turisti in arrivo per non vanificare gli sforzi della vaccinazione di massa e a quel punto Enzo Ferrandino ha rilanciato il progetto legato alla piattaforma che sarebbe allo studio proprio ad opera del Comune di Ischia e che è stata oggetto di una manifestazione di interesse (ne abbiamo diffusamente parlato nei giorni scorsi sul nostro giornale). Rimanendo all’ambito legato a turismo e dintorni, da sottolineare l’intervento del vicesindaco Luigi Di Vaia che ha voluto rimarcare come il funzionamento dell’industria dell’ospitalità è indispensabile per consentire a un territorio come il nostro di poter rimettere in moto la propria economia. Di Vaia ha poi citato la versatilità delle bellezze dell’isola e a quel punto Valentini lo ha fermato con una battuta che ha strappato più di un sorriso: “Ho capito, sta cercando di convincermi a venire in vacanza a Ischia”.

ABUSIVISMO E LEGALITA’ LINEA DURA: “INTRANSIGENZA SULLE DEMOLIZIONI”

Il prefetto ha poi toccato una serie di punti caldi e delicati legati alla nostra isola. Il primo, in particolare, ha riguardato la problematica legata all’abusivismo edilizio. A quel punto ha preso la parola l’assessore Paolo Ferrandino che ha voluto sottolineare come il fenomeno rispetto al passato sia decisamente scemato ed anche le demolizioni operate sul territorio a seguito delle cosiddette RESA abbiano trasmesso al cittadino la radicata convinzione che davvero non vale più la pena di costruire abusivamente. Qui Marco Valentini, pur in un momento in cui la tematica sta suscitando diverse proteste e nell’imminenza di una manifestazione a Roma che stanno preparando i comitati per il diritto alla casa, è stato categorico: “Relativamente alle demolizioni siate intransigenti, è opportuno trasmettere il senso di legalità alla cittadinanza. Lo sto rimarcando in ogni territorio che mi reco a visitare e lo faccio ancora di più qui ad Ischia, dove il fenomeno finisce col deturpare anche un paesaggio di inestimabile bellezza”. Tolleranza zero, insomma, e la cosa ovviamente non potrà far piacere a chi auspica una linea più dura per provare ad arginare uno “tsunami” di abbattimenti che continua in Campania e che presto tornerà a fare capolino anche dalle nostre parti. Valentini ha poi chiesto quali sono i rapporti tra le varie amministrazioni comunali ed Enzo Ferrandino lo ha confortato parlando di “collaborazione e cordialità” pur con alcune divergenze che ogni tanto possono esserci in realtà in cui comunque il campanilismo è ancora ben radicato. Il Prefetto ne ha preso atto con estremo piacere e non ha mancato di rimarcare come sull’isola azzurra abbia notato un clima decisamente ad alta tensione se non conflittuale tra Capri e Anacapri.

Ads

IL TRAFFICO, L’ETERNA PIAGA DELL’ISOLA D’ISCHIA

Ads

A proposito di dolenti note, quella per antonomasia della nostra isola è emersa nel momento in cui il prefetto Valentini ha chiesto lumi sul problema della viabilità. E così a Enzo Ferrandino è toccato ribadire ancora una volta ricordare che Ischia ha una superficie di circa 40 km quadrati, una popolazione di quasi 70.000 anime e purtroppo almeno 60.000 veicoli immatricolati, con tutto quello che ne consegue. “Ma particolarmente nel periodo della stagione turistica – ha detto il sindaco – cerchiamo di regalare oasi di tranquillità a chi viene in vacanza attraverso l’istituzione di una serie di zone a traffico limitato”. Valentini ha ricordato la sua vacanza in Cornovaglia lo scorso anno, con l’auto parcheggiata in una zona periferica dove c’erano spazi ampissimi alla bisogna e poi il trasferimento con una navetta. Primo cittadino e consiglieri a quel punto hanno colto la palla al balzo per ricordare che una cosa simile ha preso piede, sia pure in maniera ancora parziale e non “di massa” a Ischia con l’istituzione della navetta gratuita Zizì. Spazio anche alla situazione finanziaria dell’ente di via Iasolino e sull’incasso dei tributi. Enzo Ferrandino ha spiegato che mentre con l’IMU il Comune riesce a incassare quasi il 90 per cento di quanto dovuto dai cittadini, mentre con la Tari la percentuale è decisamente più bassa ed a stento si attesta al 50 per cento con puntualità, con la parte restante che viene invece incassata a fatica ed in maniera “post datata”.

IL SIPARIETTO: “MA DOVE SONO I CONSIGLIERI DI MINORANZA?”

Gli amministratori ischitani rispondono al prefetto Valentini che parla dell’importanza di un impianto adeguato di videosorveglianza che allo stato sul territorio purtroppo manca. L’assessore Liviana Buono ha spiegato a Valentini che un progetto c’è ma il costo è decisamente proibitivo ammontando a un milione e duecentomila euro. Il prefetto ha allora consigliato di verificare la possibilità di accedere a qualche finanziamento oltre che eventualmente di iniziare a realizzare il progetto anche a piccoli ste. Marco Valentini ha appreso anche con soddisfazione il fatto che Ischia stia lavorando ad un piano di protezione civile, strumento quanto mai indispensabile ancor più in una realtà in cui si è verificato negli anni scorsi un drammatico fenomeno sismico. E chiudiamo col siparietto più simpatico, che la dice lunga sullo stampo ormai “bulgaro” dell’attuale amministrazione. Quando Enzo Ferrandino ha presentato uno ad uno i presenti in sala, Marco Valentini ha chiesto: “Ma dove sono i consiglieri di minoranza?”. Una risata collettiva e imbarazzata, poi la risposta del sindaco: “Ultimamente abbiamo deciso di lavorare a un progetto comune di rilancio di Ischia”. Il bene del paese, insomma. Che, comunque la si metta, in certi casi viene prima di tutto. Poi il resto della mattinata è proseguita incontrando i vari corpi delle forze dell’ordine presenti sul territorio.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x