ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Tagli al personale, in sciopero gli addetti alle pulizie dell’ASL

dalla Redazione

 

LACCO AMENO – Dopo le proteste, scatta lo sciopero. Gli addetti alle pulizie dell’Asl 2 Na incrociano le braccia per due giorni per protestare contro la gara per il subappalto dei servizi sanitari presso i nosocomi che rientrano nell’ambito sanitario in cui rientra anche il Rizzoli di Ischia. L’agitazione ha preso il via dopo che i sindacati hanno preventivato, con l’aggiudicazione del nuovo appalto di fornitura dei servizi, una riduzione del personale tra le 200 e le 400 unità.

«Giova ricordare – hanno scritto nel documento che annunciava la protesta i referenti provinciali delle sigle sindacali che hanno aderito allo sciopero – che i lavoratori e/o le lavoratrici operanti nell’appalto, nella totalità, sono capi di famiglia con monoreddito».

Lo sciopero degli addetti alle pulizie ha causato non pochi disagi al nosocomio lacchese: non sono stati garantiti nemmeno i servizi minimi di pulizia e lo svuotamento dei punti di raccolta dei rifiuti. «Sono iniziative – aggiungono le sigle sindacali – che servono a dimostrare cosa accadrebbe con le riduzioni del personale conseguenti all’appalto: il livello igienico e la qualità complessiva del servizio calerà drasticamente, i presidi ospedalieri diventeranno invivibili per tutta la collettività».

In sintesi i sindacati, attraverso un lungo documento, si dicono fortemente preoccupati ed hanno rivolto un appello allo stesso Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. La preoccupazione dei sindacati nasce da diversi precedenti. In un recente passato, si era riuscito a mettere in seria discussione il futuro e la stabilità occupazionale dei lavoratori impiegati che sistematicamente, ad ogni nuova gara, si vedono detrarre ore di lavoro.

Nel frattempo, a Napoli i sindacati sono stati ricevuti dal Commissario Straordinario dell’Asl 2 Na, Antonio D’Amore, al quale hanno chiesto di bloccare l’iter per l’aggiudicazione definitiva, prevista per settembre: negativa la risposta ricevuta dai vertici Asl.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close