ELEZIONIPOLITICA

 «Trasporti e sanità, basta con le isole penalizzate »

Intervista a Gabriella Peluso, vice responsabile delle Politiche per il Sud di FdI e candidata alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre in Campania. 

La sua candidatura si caratterizza per le proposte sui singoli temi e sui territori ed e’ finalizzata allo sviluppo economico ed occupazionale. Qual è  la sua proposta per le isole del Golfo di Napoli?

«La problematica principale riguarda la continuità territoriale e il sistema dei trasporti. E’ stato  commesso il grave errore di affidare il trasporto marittimo totalmente ai privati tagliando fuori dalle decisioni proprio le rappresentanze delle Isole  Bisogna, invece, rilanciare la grande visione politica di rendere le Istituzioni regionali e Comunali nuovamente protagoniste del sistema di trasporto marittimo, puntando sulla pluralità dei gestori, favorendo un’intensificazione delle corse, migliorando le condizioni del trasporto, rinnovando i mezzi navali e rendendolo ecocompatibile». 

Anche la sanità sulle isole non versa nelle migliori condizioni…

 «L’altro fondamentale tema sul quale la nostra azione di destra di Governo dovrà fare la differenza rispetto alla sinistra e’ quello della sanità. Le isole sono fortemente penalizzate dal punto di vista dell’assistenza sanitaria con ospedali, penso al Rizzoli di Ischia e al Capilupi di Capri, totalmente depotenziati ed impossibilitati a far fronte al fabbisogno sanitario delle isole che si moltiplica nella stagione estiva. E’ gravissimo, ad esempio, che l’eliporto sull’isola di Capri, di notte, non possa funzionare perché non c’e’ la necessaria illuminazione.  I lavori di sistemazione e per l’illuminazione sono stati annunciati ma non sono mai partiti. Inoltre bisogna puntare su almeno due punti di pronto soccorso nelle isole ed accentuare l’autonomia organizzativa delle Asl isolane al fine di rispondere al meglio alle esigenze degli abitanti». 

A causa del covid, le attività economiche sulle isole hanno subito una battuta d’arresto. Cosa fare per ripartire? 

Ads

«L’economia delle isole si fonda sul turismo e, per questo, bisogna garantire alle aziende massicci indennizzi e creare le condizioni per il prolungamento della stagione turistica. Cio’ anche al fine di garantire il mantenimento dei livelli occupazionali con particolare riferimento ai lavoratori stagionali. In particolare ad Ischia, e’ necessario puntare su un forte rilancio del turismo termale che va coniugato col turismo ambientale e balneare.  Bisogna, per questo, intervenite a sostegno delle imprese turistiche. Nella mia qualità di vice responsabile delle politiche per il Sud, insisto sulla mia proposta per la fiscalità di vantaggio che può essere la chiave di volta per l’economia campana e meridionale attraverso un forte abbattimento della pressione fiscale sulle imprese, capace di attrarre nuovi investimenti e creare lavoro stabile e di qualità». 

Ads

Qual e’ il progetto politico legato alla sua candidatura?

«La mia e’ una candidatura “comunitaria” in quanto espressione di una squadra che rappresenta il mondo del lavoro, delle professioni, delle imprese, del sindacato, e finalizzata a rappresentare, con qualità e competenza, la società civile in Consiglio regionale. Inoltre essa è radicata nei valori della Destra Sociale e Popolare ed è tesa a ricostituire quella comunità umana e politica che era molto forte in Alleanza Nazionale e lo sarà ancora di più in Fratelli d’Italia». 

Perchè ha scelto il partito guidato da Giorgia Meloni?

«Perché è l’unica leader che ha una visione nazionale dell’Italia e che punta sullo sviluppo del Sud per la crescita della nostra Nazione. E’ stato questo il motivo della nostra alleanza, come “Sud Protagonista”, con Giorgia Meloni, e del nostro ingresso in Fratelli d’Italia». 

Quali sono le prime iniziative che intraprenderà in Consiglio regionale? 

«Presenterò una proposta di legge per attuare la fiscalità di vantaggio, per ridurre il costo del lavoro per sostenere le imprese e l’occupazione, e per l’accelerazione della spesa dei fondi comunitari per realizzare le grandi opere pubbliche. Inoltre, punterò sul risanamento dell’ambiente, sul potenziamento dei sistemi di depurazione delle acque balneari, sulle politiche attive per il lavoro, integrate con istruzione e formazione professionale, sul piano regionale per il turismo e sul piano regionale per i trasporti, con particolare riferimento a quelli marittimi».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button