CRONACAPRIMO PIANO

“Trombeur” esibizionista e mariuolo, il doppio vizio del bulgaro

La polizia ha denunciato un 38enne bulgaro ritenuto responsabile di una serie di furti in svariate attività commerciali di Forio. Ma gli agenti fanno anche una clamorosa scoperta

Le forze dell’ordine erano sulle sue tracce da un bel pezzo, soprattutto dopo che a lanciare l’allarme erano stati anche un gruppo di commercianti foriani – rappresentati dal presidente della Confesercenti, Francesco Pezzullo – che lamentavano una serie di furti commessi all’interno delle proprie attività commerciali, tutte ubicate nel cuore del Comune del Torrione.

Alla fine a riuscire a individuare la “manolesta” che aveva colpito in diversi negozi sono stati gli agenti del commissariato di polizia di Ischia, guidati dal vicequestore Ciro Re, che in fase di approfondimento della propria indagine, sono riusciti a fare una tanto singolare quanto sotto certi aspetti clamorosa scoperta: il soggetto individuato, un 38enne di nazionalità bulgara, non è stato denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria per il solo reato di furto ma anche per quello di atti osceni in luogo pubblico. Avete capito bene, l’uomo che si introduceva negli esercizi portando via tutto quello che poteva (ha sottratto champagne da un’enoteca, ad esempio, poi ancora creme da un altro negozio e capi di abbigliamento non soltanto da un esercizio di Forio ma pure di Ischia, in quest’ultimo caso giustificandosi con gli inquirenti con la circostanza che ne aveva bisogno non possedendo nulla da poter indossare) è lo stesso protagonista del video diventato praticamente virale. Insomma, colui che sul ciglio della strada in via Monsignor Schioppa ha consumato un rapporto sessuale con un’anonima compagna mentre pedoni, automobilisti e centauri transitavano tranquillamente per la zona e si erano fermati a riprendere con immagini che poi hanno inesorabilmente spopolato in rete suscitando peraltro commenti dei più disparati (ma questo è un altro discorso).

Il ladro è stato denunciato anche per atti osceni in luogo pubblico: è infatti la stessa persona protagonista del rapporto sessuale sul ciglio della strada divenuto virale sui social. L’uomo ha già lasciato l’isola, esclusa la violenza sessuale: nessun dubbio sul fatto che la partner fosse consenziente

Francesco Pezzullo

Secondo quanto si apprende, il 38enne bulgaro dopo essere stato fermato ha fatto “tappa” presso gli uffici del commissariato in via delle Terme a Ischia. Inizialmente la sua posizione pareva anche potersi aggravare dal momento che si era configurata l’ipotesi che l’atto sessuale compiuto in piena strada si fosse svolto senza che la donna fosse consenziente. Ma questa eventualità è stata scongiurata, di certo ci sarebbe che entrambi i protagonisti di questo “fuori programma” più unico che raro fossero decisamente alticci nel momento del rapporto. Una curiosità, non si è potuto procedere all’emissione del foglio di via nei confronti del cittadino bulgaro perché lo stesso risulta essere senza dimora, ma in ogni caso il 38enne ha deciso spontaneamente di lasciare l’isola, terra nella quale ha lasciato il segno sotto due distinti punti di vista.

il vicequestore Ciro Re

A lanciare l’allarme per primo era stato – come detto – il presidente isolano di Confesercenti, Francesco Pezzullo, che aveva indirizzato al Comune di Forio e alle forze dell’ordine una nota abbastanza esplicita: “Non possiamo più tollerare questi abusi – scriveva – abbiamo a che fare con gente che viene, ruba, truffa, vende merce contraffatta e fanno i padroni sul nostro territorio. Forio, è rimasta priva della stazione dei Carabinieri dal 2014 la situazione dell’ordine pubblico è gravemente peggiorata. Le cronache locali e nazionali riportano molto più frequentemente di prima episodi di aggressione, bullismo, spaccio di sostanze stupefacenti, furti in appartamento, tentativi di stupro ai danni di residenti e villeggianti. Per un paese turistico è un pessimo biglietto da visita. La movida foriana è oramai pericolosa e senza controllo. Ischia produce posti di lavoro preziosi in una regione economicamente depressa come la Campania, e ha una reputazione da tutelare. E’ inconcepibile che il suo comune più grande sia privo di una caserma dei Carabinieri o della Polizia di Stato. Presidiare il territorio è un investimento di sicurezza, serenità e sviluppo turistico sostenibile. Forio sta diventando un luogo pericoloso, d’estate e d’inverno. Chiediamo quindi il ripristino immediato della stazione dei Carabinieri in un luogo facilmente accessibile, e nel frattempo una stazione mobile che sosti stabilmente in zona centro. Inoltre Forio è un sovraffollato porto di aliscafi, che rifornisce notoriamente di sostanze stupefacenti E’ interesse di tutti i residenti, degli operatori turistici, più volte abbiamo sollecitato l’Amministrazione comunale ha dichiarato che il problema è risolto e si è impegnata far ritornare la caserma a Forio Ma le promesse dei politici non ci rassicurano. il sindaco Del Deo deve colmare davvero in tempi brevi la grave lacuna: Chiediamo al sindaco di farci capire esattamente come stanno le cose e sveltire la pratica di destinazione della caserma dei Carabinieri, visto la disponibilità del vecchio comando della Polizia municipale, i foriani non si sentono sicuri. che il nostro paese ritorni sicuro e presidiato”. Intanto il problema la polizia lo ha risolto. Segno che comunque i tutori dell’ordine ci sono e vigilano ovunque. E su tutto.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Controllare Anche
Close
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex