Statistiche
CRONACA

Un albero piantato in pineta nel giorno di San Francesco

“Oggi pomeriggio (ieri per chi legge, ndr) ho partecipato a un momento simbolico molto bello, insieme con Don Carlo e alcuni fedeli della parrocchia di Ischia Ponte abbiamo piantumato all’interno della Pineta Mirtina un albero di ulivo. E’ stato un momento molto particolare, che si lega alla festività di San Francesco custode del creato, durante il quale ho ribadito l’importanza che tutti i cittadini si riapproprino delle aree verdi dell’isola”.

Così il sindaco d’Ischia, Enzo Ferrandino, ha raccontato questa particolare esperienza prima di aggiungere: “Da parte nostra c’è tutto l’impegno di portare avanti le iniziative che abbiamo messo in atto dall’inizio del mandato: un albero piantato per ogni nato, i tanti alberi che stiamo piantando per sostituire i pini attaccati, purtroppo, da una brutta malattia e i vari finanziamenti per il verde. L’augurio è che questo momento possa ripetersi negli anni per avvicinare sempre più la popolazione alla tutela dell’ambiente e al rispetto dei parchi pubblici, affinché sia percepito davvero come bene di tutti”.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Franco

E’ un modo barbino ed ipocrita di rifarsi una verginità. Dopo non aver fatto nulla per salvare centinaia di alberi di pino, si pianta un olivo in nome di Francesco, il Santo Poverello. Bella faccia di bronzo! E’ un bel dire quello del nostro sindaco, ma si fosse almeno impegnato a salvare i pini lungo le strade e quelli del parcheggio di fondobosso, e allora potevamo dargli un certo credito. Invece li ha fatti morire senza fare niente. E pensare che abbatterli costa di più che curarli. Prendesse esempio dal suo collega di Lacco Ameno, Pascale, che ha fatto poche e semplici cose ed ha salvato dalla cocciniglia tutti i pini di Piazza S. Restituta ed anche molti di Villa Arbusto. E vogliamo parlare del parcheggio ex Jolly ? Bene , si poteva fare un ‘aiuola centrale alberata e dare più verde a quella spianata desolata e soprattutto proteggere dal sole le vetture in sosta. Il tutto senza sacrificare posti auto nel sotterraneo in quanto il verde pensile è ormai una tecnica consolidata ed efficace. A Milano fanno un grattacielo che è un bosco verticale, ad Ischia non si riesce a fare un parcheggio interrato con alberi! Lasciate stare S. Francesco per favore! piuttosto meditate sulla vostra pochezza.

Back to top button
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x