Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Banda Musicale Città di Procida, un fiore all’occhiello dell’isola

A distanza di quarant’anni dalla sua nascita rappresenta un punto di riferimento per il territorio al punto che, più che banda, come ha avuto modo di dire Giacomo Retaggio andrebbe definita orchestra

Erano i primi anni ‘80 quando sulla nostra isola, per volere di alcuni “illuminati” e grazie all’impegno particolare del prof. Minicuccio Scotto di Carlo, veniva ripresa un’antica tradizione che da qualche decennio era scomparsa. Il desiderio era avere una banda musicale tutta isolana per formare i giovani del territorio alla musica e alla vita. Da anni ci si rivolgeva a bande esterne per le manifestazioni sull’isola mentre, in precedenza, grande era stato l’affetto per la banda isolana in un’epoca in cui non c’era radio, televisione e internet ed in cui era impossibile usufruire di musica. La banda era l’unica organizzazione territoriale che distribuiva musica gratuitamente. Quelli più anziani ricorderanno di sicuro gli affollati concerti nelle piazze dell’isola della banda procidana e la partecipazione alle tante processioni che si svolgevano sul territorio.

Oggi, a distanza di 40 anni dalla sua “rinascita”, la Banda Musicale Città di Procida è un’associazione di enorme valenza culturale, umana e sociale. Un fiore all’occhiello del nostro territorio. Tanto è vero che come affermato dal dott. Giacomo Retaggio in un articolo di qualche tempo risulta riduttivo chiamarla ancora banda. Si tratta di una vera e propria orchestra. Non vi è manifestazione civile o religiosa che non veda il coinvolgimento della nostra Banda/Orchestra. E negli anni si sono succedute le varie partecipazioni a tante manifestazioni fuori dall’isola e sono arrivati i meritati riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale.

“Chi Banda non sbanda” è stato lo slogan di qualche anno fa, a voler sottolineare il grande valore sociale dell’associazione in cui le nostre ragazze e i nostri ragazzi hanno sempre trovato motivi per elevarsi nella musica e soprattutto valori per formarsi e crescere in modo sano. Questo grazie anche alla particolare dedizione dei dirigenti e dei maestri che si sono succeduti che, oltre alla formazione artistica, hanno saputo essere dei veri e propri educatori della nostra meglio gioventù trasmettendo la capacità di ascolto, dello stare assieme, del confrontarsi, della solidarietà.

Si dice che la musica sia uno dei più grandi doni fatti agli uomini, uno dei pochi in grado di coinvolgere lo spirito al punto da ripercuotersi positivamente sul corpo.

Ma la Banda Musicale “Città di Procida” è solo il complesso strumentale di punta dell’Associazione Culturale “Amici della Musica” sin dalla sua fondazione. Un’istituzione culturale ed associativa dove tutti possono trovare un luogo di incontro, di scambio di idee, di amicizie e amori, di allegria aperto a giovanissimi e adulti che trovano le condizioni ottimali per quel colloquio generazionale che oggi ha poche occasioni di confronto.

Ads

L’Associazione gestisce unitamente alla Banda una scuola di musica che mira alla formazione dei musicisti di domani specializzandoli nello studio della letteratura didattica e concertistica di carattere bandistico.

Ads

I metodi di insegnamento utilizzati sono tra i più moderni ed efficaci, arricchiti da anni di esperienza e formazione dei vari docenti e collaboratori.

Nell’invogliare i giovani di Procida ad aderire con convinzione a questo percorso associativo culturale voglio ribadire che suonare insieme ad altri aggiunge un valore di partecipazione e di comunicazione che contribuisce all’arricchimento della personalità e della propria cultura: è molto più che studiare musica, significa far parte di una comunità, di un gruppo, di una famiglia che persegue uno scopo tutti insieme e ti cambia la vita. Un grazie al Presidente Cascone, al Maestro Trio e a tutte le figure dirigenziali e professionali di ieri e di oggi dell’associazione per il contributo che hanno saputo infondere, per la professionalità con cui vi si dedicano, per la lungimiranza con cui riusciranno a far sopravvivere questa istituzione procidana.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex