ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Barano, Dionigi Gaudioso senza rivali

di Corrado Roveda

BARANO. Maria Di Scala e Giuseppe Di Meglio sono ormai distratti da Ischia. Lì c’è da preparare la candidatura di Gino Di Meglio, probabile competitor di Enzo Ferrandino. Barano, insomma, è relegata sullo sfondo. Anche perché, inutile girarci intorno, sul comune collinare la sconfitta è quasi matematica. Dionigi Gaudioso ha messo in piedi un’armata impossibile per chiunque da affrontare. I giochi sono pressoché fatti, anche se nel gioco delle parti si tengono coperti i nomi. Qualcosa però trapela, soprattutto per quanto riguarda il versante femminile. Alcune affermate professioniste entreranno nella squadra dell’attuale maggioranza. Accordi già chiusi da tempo, intese suggellate da una stretta di mano che avranno i crismi dell’ufficialità solo con l’inizio del nuovo anno. A fare da contraltare, alcuni addii. Quelli ormai certi di Mario Zanghi e Ciccio Buono, quello probabile di Crescenzo Cautiero. Ognuno lascerà per motivi diversi. Nessuno, però, lo farà per dissapori con la compagine che amministra Barano.

Sul versante opposto, invece, si gioca tutt’altra partita. Della lontananza fisica e mentale della famiglia Di Meglio abbiamo già detto. Questo non significa però che non si allestirà una lista, anche qualora dovesse servire solo a fare presenza. ma chi la guiderà? Da qualche tempo dalle parti di Buonopane circola una voce: il candidato dei Di Meglio sarà, udite udite, Aniello Di Meglio.

Subentrato proprio a Maria Grazia Di Scala nel 2015, quando l’allora leader dell’opposizione baranese sbarcò nella (insindacabilmente) più affascinante arena regionale, Aniello Di Meglio risultò secondo per preferenze nella lista civica Nuova Barano con 263 voti.

In realtà a piazza San Rocco si racconta che la fuga in avanti di Di Meglio sarebbe un tentativo di strappare la candidatura a sindaco approfittando della momentanea lontananza dei due leader del gruppo. Ma ci sarebbero delle alternative?

Ads

In molti sarebbero affascinati da un ipotetico scontro tra dinastie, una sorta di battaglia finale. Ecco perché da più parti si caldeggia la discesa in campo di Francesco Di Meglio. Ha età e profilo ideale per competere per la carica di sindaco. E sarebbe una novità che potrebbe scompaginare le carte in tavola e restituire un pizzico di fiato ad una compagine altrimenti allo stremo. Ovviamente l’ipotesi è remota: di fronte ad una sconfitta annunciata nessuno sarebbe tanto folle da bruciare quello che, probabilmente, è il cavallo migliore che si ha in scuderia.

Ads

Ecco che allora diventa impossibile rintracciare la figura di un candidato. E dire che ci aveva provato pure Domenico De Siano. Qualche mese  fa il senatore piombò su Barano con la convinzione di fare fuoco e fiamme e mettere in piedi una corazzata da contrapporre a Dionigi Gaudioso. Ha impiegato appena un paio di settimane a capire che lì la sua influenza è marginale e che, soprattutto, vincere è praticamente impossibile.

Senza entrare nel dettaglio dei numerosi accordi elettorali già chiusi – argomento che ci riserviamo di trattare prossimamente – basta una riflessione equilibrata e di buon senso per comprendere la difficoltà della sfida.

Paolino Buono lascia dopo dieci anni da sindaco. In questo arco temporale il comune di Barano ha fatto un balzo in avanti enorme sia dal punto di vista dell’organizzazione complessiva della macchina amministrativa che da quello della credibilità. La raccolta differenziata funziona come in nessun comune dell’isola, le pratiche di condono vengono approvate a ritmo serrato, le politiche di organizzazione condivisa degli eventi tramite le associazioni del territorio ha prodotto risultati che vanno bel oltre le aspettative.

Ci sono stati interventi mirati come le case dell’acqua. Altri stanno partendo, come la tanto attesa piazza dei Maronti con annessi sottoservizi. Perfino Nitrodi si è rivelata una scelta azzeccata perché oggi è una delle realtà più apprezzate e dinamiche dell’isola, e non dimentichiamo che Ischia è l’isola delle terme e che di conseguenza la concorrenza è agguerrita.

 

 

 

 

Articoli Correlati

Rispondi

Controllare Anche
Close
Back to top button