CRONACA

Carburanti, De Luca: dal governo prova di incoerenza

“Abbiamo verificato un aumento francamente sconcertante del prezzo della benzina: con 50 euro una macchina media faceva un pieno, oggi riempie per 2/3 il serbatoio. Il Governo non ha ritenuto di fare nessun intervento sulla tassazione che pesa sul prezzo benzina dando una prova di incoerenza”. Così il Presidente della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del suo consueto appuntamento settimanale con la diretta Facebook del venerdì pomeriggio. “La maggioranza – ricorda il governatore – si era impegnata a ridurre le tasse sulla benzina: non l’ha fatto e questo penalizza due volte i cittadini italiani. La prima volta per l’aumento del prezzo, la seconda volta perché quando aumenta la benzina aumenta il costo del trasporto di tutti i prodotti e in modo particolare i prodotti alimentari. Quindi dovremo aspettarci nelle prossime settimane non solo un esborso maggiore per la benzina, ma anche un ulteriore aumento dei prezzi per i prodotti agricoli e alimentari”.

“Una scelta irresponsabile – prosegue ancora De Luca -. La Meloni ha detto che non ci sono i soldi, ma quelli non c’erano nemmeno 3 mesi fa quando si faceva campagna elettorale. Poi l’affermazione è incoerente perché se non ci sono i soldi per impedire l’aumento del prezzo dei prodotti alimentari vuol dire che risparmi quasi un miliardo di euro regalato alle società sportive di calcio. Un regalo di 800 milioni alle società di calcio, in queste condizioni. Per questo non vale nessuna delle giustificazioni addotte, ad oggi la situazione è estremamente preoccupante” chiosa il Presidente della Campania.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex