CRONACA

Casamicciola, Antonio Pisani è il primo candidato

Il dipendente del Banco di Napoli ha varato la prima bozza di programma elettorale della sua lista che si chiamerà “Impronte” e correrà da sindaco alle prossime amministrative. Ecco l’idea di paese del gruppo che lo sostiene

Se non ci saranno dietrofront, ripensamenti o impedimenti di qualsivoglia natura, Casamicciola Terme ha il suo primo candidato a sindaco per le elezioni amministrative in programma il prossimo 14 e 15 maggio. E, udite udite, non si tratta né di Giuseppe Silvitelli né di Giosi Ferrandino. Ad annunciare la discesa in campo sotto l’egida dell’associazione sociopolitica “Impronte” (che darà anche il nome alla lista) è Antonio Pisani che correrà per indossare la fascia tricolore. Pisani, tra l’altro, ha già dato un’accelerazione netta e marcata, avendo provveduto a redarre una bozza di programma elettorale che è stato realizzato da Camilla Conte, Francesco Gravante e Teresa Gravante). Un programma che parte da una serie di principi generali in premessa si legge che “La lista di candidate e candidati che sostiene la candidatura del Dott. Antonio Pisani a Sindaco di Casamicciola Terme muove dalla consapevolezza che dopo i tragici eventi del terremoto dell’Agosto 2017 e dell’evento franoso del Novembre 2023 che hanno prodotto morte e distruzione nel nostro comune, provocato danni a infrastrutture e attività produttive e messo in ginocchio lo spirito di comunità, occorre recuperare gli sforzi e le energie positive di tutti gli abitanti di Casamicciola, di chi ci è nato, di chi la sente come la sua casa, di chi ha scelto di viverci, di chi – suo malgrado – è stato costretto ad abbandonarla e vorrebbe ritornarci a vivere con la sua famiglia e farvi crescere i propri figli senza essere costretto a convivere con tubolati, macerie, edifici diroccati e gravemente lesionati che attendono da anni di essere di nuovo abitati”.

In un altro passaggio si parla poi di rinascimento consapevole e ci sono una serie di sezioni tra cui le seguenti: “Messa in sicurezza del territorio: azione sinergica con la struttura commissariale e con i comitati dei cittadini, per uscire, definitivamente dall’emergenza, pianificando, concretamente secondo una precisa zonizzazione le aree di sviluppo di attività commerciali e del terziario, le aree residenziali, le aree di interesse turistico e ambientale; 2. Piano Urbanistico Comunale (PUC): per un reale recupero e per lo sviluppo strategico del territorio che ne valorizzi le risorse e ne attenui le criticità; 3 Promozione dei contenuti del Manifesto per Casamicciola, ritenuto, ad oggi, il più lungimirante ed ambizioso progetto per un concreto ‘Rinascimento di Casamicciola’, restituita al suo ruolo imprescindibile di comunità protagonista della più vasta comunità isolana. Per la realizzazione di tale obiettivo si rivela indispensabile il recupero del dialogo intercomunale spesso interrottosi negli ultimi anni, con la Città metropolitana di Napoli e la Regione Campania, fondamentali enti di programmazione e finanziamento di intervfenti urgenti ed oramai indifferibili; 4. Implementazione ed efficientamento della macchina amministrativa (riorganizzazione, concorsi, trasparenza, servizi on line, informatizzazione)”. Poi nel programma trovano spazio anche tematiche legate ai presupposti per creare occupazione così come non manca un’area destinata alla tutela ambientale all’insegna di monitoraggio, bonifiche e politiche ecosostenibili. Per quanto riguarda i rifiuti i mantra sono costituiti da raccolta di qualità, isole ecologiche ed impianto di compostaggio mentre sul bilancio comunale la parola d’ordine è quella legata alla necessità di un riequilibrio finanziario e trasparenza.

Gli ultimi tre punti salienti della bozza di programma – che ovviamente è suscettibile di modifiche e soprattutto ampliamenti – riguardano la cultura della scuola, le politiche sociali per un welfare che sia di contenuti e non di forma (infanzia, anziani, disabilità, quote rosa, amici a quattro zampe, povertà e dipendenza) e infine lo sviluppo di cultura e sport (eventi culturali, recupero immobili di alto valore storico culturale, eventi sportivi ed implementazione dei luoghi di aggregazione sportiva).

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex