Statistiche
ARCHIVIO 4

“Città della pizza: un’esperienza a dir poco fantastica”, l’entusiasmo di Ivano Veccia

di Isabella Puca

Ischia – È riuscito a farsi riconoscere tra tanti e la sua pizza dedicata ai sapori di Roma è stata notata tra le tante per la sua originalità e il suo sapore davvero unico. Parliamo del pizzaiolo foriano Ivano Veccia presente a Roma tra i maestri pizzaioli più bravi d’Italia. A prendere parte all’evento “la città della Pizza” che si è svolto a Roma  da venerdì 6 a domenica 8 aprile  anche Franco Pepe, Gino Sorbillo, Gabriele Bonci e Teresa Iorio, solo alcuni dei grandi nomi legati all’arte della pizza. «È stata un’ esperienza unica e a  dir poco fantastica. Ringrazio Luciano Pignataro e tutta l’organizzazione di “città della pizza” per aver creato un evento tra i più importanti in Italia e non solo. E un grazie a miei collaboratori, Pizzolo “Maestro” Gaetano “Fratello” e FabB “Idolrochef”». Così Ivano dal suo profilo Facebook. Il numero dei maestri pizzaioli protagonisti, rappresentanti delle diverse scuole dal Nord al Sud dello Stivale, ha superato le  50 unità. Dodici le postazioni giornaliere suddivise nelle categorie “Napoletana”, “All’italiana”, “A degustazione”, “Al taglio” e “Fritta” dove ogni pizzaiolo ha proposto tre diversi tipi di pizza: margherita o marinara, un cavallo di battaglia e una special edition pensata appositamente per la manifestazione, per un totale di circa 100 pizze differenti. Il nostro Ivano ha presentato una margherita, la lasagna povera – pomodoro San Marzano aromatizzato all’aglio, crema di grana e all’uscita origano e basilico – come suo cavallo di battaglia e un’altra  creata appositamente per l’evento intitolata “vacanze romane”. «Questa pizza – ha commentato il pizzaiolo – è stata pensata appositamente per “Città della Pizza” in collaborazione con lo chef Nino Di Costanzo. E devo dire,  quasi si picchiavano per prendersi l’ultima pizza, un successo enorme». Crema di Pecorino, Fiordilatte e Provola, guanciale Croccante, cipolle sbianchite nel latte, all’uscita guanciale, puntarelle condite con olio di alici e pepe, una bontà divina che, a breve, assaggeremo anche qui a Ischia!

 

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button