Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Covid, sull’isola 136 positivi: la situazione resta sotto controllo

Il nuovo report dell’Asl, aggiornato al 27 gennaio, fa registrare un sensibile aumento dei contagi di coronavirus, ma i sei Comuni restano nella zona “verde” tra i territori dell’ASL Napoli 2 Nord

Cresce il numero dei positivi sull’isola d’Ischia anche se la situazione rimane ancora sotto controllo. E’ quanto si evince dall’ultimo report diffuso dall’Asl Napoli 2 Nord che aggiorna la mappa del covid sui territori di pertinenza dell’azienda sanitaria locale fino a tutto il 27 gennaio scorso. Allo stato dell’arte i contagiati risultano essere 136 a fronte dei 108 che si contavano invece con i numeri che si fermavano al 20 gennaio.

Il dato aggiornato al 20 gennaio faceva registrare 108 positivi, ma all’appello potrebbero mancare diversi guariti: Forio in testa con 40 casi, seguita da Ischia e Barano con 37

Nello specifico Forio comanda con 40 casi di coronavirus, seguono Ischia e Barano con 37 a testa, poi 11 a Casamicciola, 7 a Lacco Ameno e 4 a Serrara Fontana. In ogni caso la lieve crescita dei casi non muta lo “status” di tutti i sei Comuni dell’isola, che rimangono in zona verde nel rapporto tra positivi e numero di abitanti. Le statistiche raccontano che a Serrara Fontana si registra un positivo ogni 777 abitanti, a Casamicciola uno ogni 1150 a Lacco Ameno uno ogni 681, ad Ischia uno ogni 562, a Forio uno ogni 515, a Barano uno ogni 279.

Il saldo in crescita a distanza di sette giorni non preoccupa più di tanto in primo luogo perché l’entità tutto sommato è lieve e poi perché all’appello potrebbero mancare diversi guariti che potrebbero ad esempio rientrare nel prossimo report dell’azienda gestita dal direttore Antonio D’Amore. E a proposito di numeri confortanti e che lasciano ben sperare, una conferma dello stato di salute del territorio arriva ancora una volta dall’ospedale Rizzoli, da sempre il più affidabile dei termometri. La settimana scorsa presso il nosocomio di Lacco Ameno c’era un solo ricoverato, proveniente dalla vicina Procida, adesso se ne è aggiunto un secondo residente a Forio.

Ma ovviamente la struttura può tranquillamente reggere un peso del genere. Basti pensare che in inverno inoltrato, nel pieno della seconda ondata, al Rizzoli risultavano ricoverate anche venti persone contemporaneamente con tre pazienti addirittura in terapia intensiva e si registrarono purtroppo anche decessi. Il miglioramento della situazione è riscontrabile osservando anche un video diffuso proprio dall’ASL e che mostra i mutamenti del grafico che indica i positivi proprio da novembre allo scorso 27 gennaio: inizialmente il colore assegnato ai Comuni isolani era il meno rassicurante giallo, con quasi tutti i territori che erano addirittura rossi. Oggi, invece, non c’è nessun Comune ritenuto ad alto rischio.

Ads

Sul capitolo vaccini anche Ischia ha subito rallentamenti e si sta provvedendo a somministrare le seconde dosi: da metà febbraio, poi, toccherà agli anziani

Ads

Non c’è dubbio che però c’è un altro ostacolo importante da superare, che potrebbe rivelarsi addirittura fondamentale ai fini della crescita o meno dell’epidemia da covid-19. Le scuole elementari e medie hanno già riaperto i battenti e lunedì tocca alle superiori: inutile sottolineare come sia reale e concreto il timore di un peggioramento della situazione. D’altronde già su scala regionale si registra un aumento sia pure non pesante della curva dei contagi. Ischia come al solito non può considerarsi certo “zona franca” ma la situazione resta decisamente migliore rispetto a quella di altri territori. A Procida, per esempio, l’ASL rileva 67 attuali positivi, uno ogni 162 abitanti. E’ per questo che la neo capitale della Cultura. Al momento comunque va segnalato che non risultano casi di contagio all’interno delle scuole e quindi classi in isolamento e anche questo è un buon segnale per quanto – lo ripetiamo – il rischio rimanga dietro l’angolo. Resta il fatto che sull’isola ci sono oggi gli estremi per avviare le riaperture pur continuando a monitorare la situazione epidemiologica. Sul capitolo vaccini, infine, anche Ischia ha subito rallentamenti e attualmente si sta provvedendo alla somministrazione delle seconde dosi. Da metà febbraio si darà il via alla vaccinazione degli anziani come annunciato da De Luca e si sta lavorando per allestire due centri di vaccinazione: uno ad Ischia, l’altro a Forio ed entrambi i comuni hanno messo a disposizione i propri palazzetti dello sport. Manca però l’ufficialità dell’intesa con l’ASL attesa per la prossima settimana.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x