SPORT

Cuore Real Forio, ma all’Afragolese basta Murolo

Una prodezza dell’attaccante ad inizio ripresa regala i tre punti alla formazione di Masecchia, ma i biancoverdi giocano tutto il match ad armi pari con la capolista

Real Forio 0

Afragolese 1

REAL FORIO: D’Errico, Errico (7’st Ademi), Di Meglio, Sorrentino, Di Costanzo, Varrella, Trofa D., Conte, Coppola, Savio, De Luise. A disposizione: Di Maio, Verde, Barbieri, Di Lustro, Calise, Trofa P., Barbato, Migliaccio. Allenatore: Domenico Citarelli

AFRAGOLESE: Caputo, Lieto, Vilardi, Nocerino, Ricci (19’st Conte), Viscido (32’st Marzullo), Signorelli (26’st Manzo), Palumbo, Fava, Ausiello, Murolo (40’st Lagnena). A disposizione: Pragliola, Della Monica, Romano, Giordano, Longo. Allenatore: Giovanni Masecchia

ARBITRO: Gabriele Caggiari (Cagliari), assistenti Roberto Ferrara (Castellammare) e Costantino Recano (Nola)

Reti: 2’st Murolo

Note: ammoniti Conte (R), Ausiello (A)

Sconfitta per il Real Forio nel big match contro l’Afragolese. Seppur col minimo scarto, i biancoverdi di Mimmo Citarelli cadono ancora tra le mura amiche dopo una partita, va detto, che avrebbe probabilmente meritato un esito diverso. La disparità dei valori in campo, alla vigilia, lasciava presagire un match senza storia alcuna, ma la squadra di casa ha saputo onorare l’impegno dal primo all’ultimo minuto di gioco, rispondendo colpo su colpo alle iniziative dell’Afragolese, non certo l’ultima della classe, anzi, la prima, primissima, in grado di scomodare pareri importanti anche con squadre di categoria superiore. Il momento del Real Forio si condensa tutto nelle lacrime a fine partita di Emilio Coppola, quell’attaccante tanto cercato dalla dirigenza biancoverde che però sino a questo momento non ha ancora ripagato le grandi aspettative sul suo conto. Un solo gol in stagione, in Coppa Italia Dilettanti contro l’Afro Napoli United e ancora quello zero alla voce gol segnati in campionato. Troppo poco per un ragazzo con le sue qualità, mai messe in discussione da nessuno, che però stonano con il rendimento del giocatore. Sia chiaro, sarebbe da stupidi pensare di buttare sulle spalle del centravanti di Mondragone tutte le responsabilità di una stagione davvero tribolata per i colori biancoverdi, ma la questione di Coppola serve a far capire che se anche un attaccante giovane, forte, dotato fisicamente, anche abituato a fare campionati di sacrificio, non riesce a rendere almeno per quelle che sono le sue possibilità e i suoi standard, c’è qualcosa che non va. Per l’ennesima volta si deve infatti raccontare di una prestazione gagliarda, cosa evidente a tutti coloro che hanno assistito al match, anche se per l’ennesima volta si deve anche parlare della voce 0 per quello che riguarda i punti presi dal campo. Un ruolino, quello biancoverde, che mette davvero paura, con il mercato di dicembre che assume un’importanza cruciale di giornata in giornata, anche se sembra sempre più lontano, come del resto più lontane in classifica sono anche le altre squadre candidate alla lotta per non retrocedere.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close