SPORT

Giovanni Russelli: “Campionato livellato, non ci sono squadre cuscinetto”

Il tecnico della Cestistica Ischia racconta la prima parte della stagione della sua squadra e le aspettative della società

Il campionato della Cestistica Ischia per il momento sembra essere davvero positivo. Il percorso fatto finora dalla squadra di Giovanni Russelli, infatti, è probabilmente il migliore degli ultimi anni. Nonostante questo particolare, però, non ci può davvero dire sorpresi del rendimento dei gialloblù, visto che l’intenzione della società isolana era esattamente questa, fare un campionato diverso, come ci conferma lo stesso coach Russelli: “Noi siamo partiti sostanzialmente con l’idea di salvarci attraverso i play-off, ossia di entrare nella griglia delle otto squadre che partecipano ai play-off, quindi poi giocarci diciamo le nostre chance eventualmente nella seconda parte di stagione. Sicuramente siamo partiti bene, però allo stesso tempo penso ci siano ampi margini di crescita, considerato insomma che parliamo di una squadra comunque dell’età media molto bassa”.

E in effetti la Cestistica Ischia è sempre stata una squadra composta perlopiù da giovani cestisti, provenienti dal settore giovanile della società gialloblù. La preoccupazione velata di Russelli, ad inizio stagione, riguardava proprio il fatto di poter o meno coinvolgere i giovani nella prima squadra, in un anno particolarmente complicato, con tanti elementi della passata stagione che sono passati a vivere in terraferma per l’università. Con i risultati positivi, però, è logico che tutto giri meglio e che anche degli elementi che potevano essere ritenuti non esattamente pronti per un campionato di alto profilo come la Serie D finiscano col rendere al pari degli altri: E’ proprio l’idea di fondo che ci eravamo prefissati, ossia di creare, come abbiamo cercato di fare, un mix di giocatori un po’ più esperti e giovani isolani che in queste ultime due stagioni sono cresciuti e li abbiamo mandati in campo”.

Oltre ai giovani, in effetti, ci sono elementi come Andrea Buono, come lo stesso Giovanni Russelli che ancora si fa sentire come giocatore, ma soprattutto come Pasquale Cavallaro, una vecchia conoscenza del basket isolano, che rappresenta un importante investimento che la società isolana ha voluto fare per completare un roster dal punto di vista tecnico, vista l’assenza di un altro elemento con le sue caratteristiche. Un investimento, che per il momento sembra dare assolutamente i suoi frutti: “Diciamo quello che è stato il piccolo sacrificio della società fino a questo momento è ampiamente ripagato. Diciamo che abbiamo inserito un giocatore che a livello tecnico a noi mancava, perché siamo una squadra molto leggera, che dipende molto dal gioco sul perimetro, per cui andare ad inserire un giocatore d’aria, esperto, come Pasquale sicuramente aiuta tantissimo”.

Nell’ultimo incontro, la Cestistica era riuscita a regolare in trasferta un’avversaria molto complicata da gestire come Roccarainola, vincendo e convincendo. Sabato pomeriggio arriva il Casal di Principe Basket Club, che fino a questo momento non ha esattamente fatto un percorso irresistibile, anche se l’allenatore della Cestistica Ischia preferisce comunque non fidarsi della classifica: “Allora io credo che il campionato sia molto livellato. Probabilmente a parte Portici e Roccarainola che sono un po’ le corazzate del girone, dove tra l’altro abbiamo vinto la settimana scorsa, il livello delle altre squadre è pressoché identico. Tranne l’Avellino che una squadra che sta giocando con un under18 le altre sono più o meno allo stesso livello, per cui praticamente puoi vincere ovunque e paradossalmente rischi di perdere contro chiunque se prendi sotto gamba una gara o hai un approccio sbagliato”.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Dopo i lavori per l’impianto del metano la strada da Fiaiano a Piedimonte è più sgangherata di prima rischio di rompersi il collo è tutti se ne infischiano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close