CRONACA

Da Ischia due bottiglie di champagne per il contestatore di Salvini 

Il fotografo Sergio Ferri, uno dei due italiani che, insieme al collega Marco Salami, ha contestato il leader della Lega a Przemysl, in Polonia racconta i messaggi di approvazione. Anche dall’isola verde 

«Da Ischia il titolare di un locale mi ha assicurato che se lo avessi raggiunto mi avrebbe offerto due bottiglie di champagne». A raccontarlo il fotografo Sergio Ferri, uno dei due italiani che, insieme al collega Marco Salami, ha contestato il leader della Lega Matteo Salvini a Przemysl, in Polonia, dove il sindaco Wojciech Bakun ha invitato il senatore ad indossare una maglietta con il volto di Putin, la stessa indossata dal Capitano nel 2017 nella Piazza Rossa. Al suo rientro in Italia, Ferri ha ricevuto chiamate e messaggi da tutta Italia, oltre che inviti e prodotti di vario tipo.

Le immagini hanno fatto il giro del mondo in poche ore, diventando virali e scatenando la fantasia degli utenti che hanno riversato migliaia di commenti (e di meme) sui social: insomma, la figuraccia di Matteo Salvini in Polonia, a Przemysl, dove il sindaco Wojciech Bakun ha invitato il senatore ad indossare una maglietta con il volto di Putin (la stessa indossata dal Capitano nel 2017 nella Piazza Rossa), è valsa al leader della Lega addirittura il famoso ‘tapiro d’oro’. «Un produttore di Reggio Emilia – racconta Ferri a il Dolomiti – mi ha inviato del miele artigianale, da un negozio di dolci mi è arrivato del cioccolato alla menta, già quasi finito purtroppo». Negli scorsi giorni un dipendente della municipalizzata che si occupa del decoro cittadino ha addirittura chiesto a Ferri di raggiungerlo per consegnargli due bottiglie di vino, dice il fotografo, senza contare le decine di messaggi e chiamate arrivate un po’ da tutto il Paese. «Titolari di attività commerciali di vario tipo mi hanno chiamato – scherza Ferri – invitandomi nel loro locali chi per un bicchiere di vino, chi per un caffè, chi per un paio di birre. Da Ischia il titolare di un locale mi ha assicurato che se lo avessi raggiunto mi avrebbe offerto due bottiglie di champagne». Sono molti, insomma i cittadini che hanno voluto esprimere la loro solidarietà per quanto fatto negli scorsi giorni da Ferri e dal collega, che hanno in seguito raccontato come non sopportassero di vedere il leader della Lega «sfruttare situazioni drammatiche come questa (l’invasione russa dell’Ucraina e la crisi di profughi che ha determinato) per visibilità».  

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex