LE OPINIONI

IL COMMENTO Ma voglio bene anche a Giuda

DI BERNARDO DELL’OMO

Un tempo, in una piazza del mondo, una folla inferocita e ammaestrata gridava “crucifige! crucifige!” e un innocente veniva condannato a morte. Ieri in piazza Marina a Casamicciola Terme, il popolo di Casamicciola delle scuole I.C. “Ibsen” e I dell’I.T. “Mattei” ha gridato a squarciagola “No! No alle guerre, no ai nazionalismi, ai sovranismi, al razzismo, xenofobia, omofobia, no ai femminicidi”,no ad ogni forma di violenza e di discriminazione.“Sì ! sì alla pace, alla giustizia, alla misericordia”. Alle lacrime per l’orrore delle guerre, al disgusto e alla condanna ferma e decisa per la disumana atrocità operata da Caino contro Abele, dai fratelli russi contro I fratelli ucraini, dobbiamo rispondere con la cultura della cura, dellasolidarietà, della prossimità, della fratellanza, carità, amore, humanitas, per debellare la cultura dell’indifferenza, dello scarto e dello scontro.

Oggi, il mondo piange, Ischia piange, noi piangiamo per i nostri fratelli, afflitti e piegati da prove indicibili, disumane, un calvario senza fine, aggrediti e calpestati nella loro dignità di uomini e di persone senza alcun motivo. La storia si ripete! ieri: Terenzio, commediografo latino del II secolo a.C scriveva “Homo sum, nihil humani a me alienum puto, sono un uomo e tutto ciò che è umano mi appartiene, mi interessa, fa parte di me”. La storia si ripete ricordando anche il grande sforzo e impegno educativo di don Lorenzo Milani e la sua scuola di Barbiana ”I care”, insegnava, in aperto contrasto col motto fascista “me ne frego”. I care, tu mi interessi, mi prendo cura di te, non ti lascio ai margini della strada, della società, ti solleverò da sofferenze e da dolori.

L’atto di consacrazione della Russia e dell’Ucraina al cuore di Maria, nostra avvocata e intermediaria presso Dio sia la nostra preghiera quotidiana. Un’ultima preghiera: assieme alla “cultura della cura, della pace e dell’amore” non dimentichiamo la cultura del perdono, impariamo a perdonare e ad amare anche i nostri nemici, senza dimenticare che “questo è stato” (Primo Levi) e che accade hic et nunc sotto i nostri occhi, secchi di lacrime. Un altro uomo, di nome anch’egli Primo, don Primo Mazzolari (anni ‘50/’60) in una sua omelia, quella del giovedì santo, festa dell’eucarestia, del sacerdozio e della lavanda dei piedi, ebbe a dire, lasciando tutti sgomenti e senza parola,“ ma io voglio bene anche a Giuda”, sì, amici, quel Giuda lì, proprio quello dei vangeli, il traditore, e che Gesù aveva chiamato amico e fratello. Sì, “voglio bene anche a Giuda” perchè senza perdono, carissimi giovani, non ci può essere amore e senza amore non ci potrà essere pace. Non c’è spazio per amare in un cuore gonfio di odio, di risentimenti, di vendetta, di cattiveria.

DOCENTE ISTITUTO “E. MATTEI”

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex