LE OPINIONI

IL COMMENTO Renzi e quell’annuncio che era nell’aria

DI GIANNI CARCATERRA

Era nell’aria. Tutti aspettavamo l’annuncio di Matteo Renzi con il quale ha ufficialmente dato l’addio al Pd, con la formazione di gruppi separati e l’avvio del processo che lo porterebbe alla creazione di un nuovo partito centrista, in competizione con il Pd, ma non in contrapposizione. Credo che l’ex Presidente del consiglio dei Ministri ed ex segretario del partito voglia creare un partito di centro offrendo una nuova casa dei moderati, per chi non si rivede più nel Partito democratico. L’intento è quello di occupare uno spazio e rappresentare una fascia di popolazione che resterà a breve senza interpreti o riferimenti. L’ex segretario si rivolge a chi non si riconosce più nel centrosinistra ed a chi non si identifica nelle scelte della destra di Matteo Salvini.

L’ennesima scissione in casa Partito democratico, in ogni caso, produrrà i suoi effetti, almeno su scala locale, non nell’immediato. Tra qualche mese potremo vedere anche uno scontro politico sull’isola di Ischia tra Giosi Ferrandino e Domenico de Siano per la leadership isolana. La nuova identità politica creata da Renzi, infatti, comprenderà non solo una parte del Partito democratico ma anche, e soprattutto, una parte di Forza Italia. E saranno loro due a potersi contendere il primato ischitano. Siamo arrivati all’ennesima scissione in casa del centrosinistra perché il nuovo Partito democratico creato da Zingaretti è una sorta di Ulivo2.0 ben lontano dal Pd di Renzi. Il Governatore della Regione Lazio sta cercando di creare un partito come quello di oltre dieci anni fa quando si fusero la Margherita con i Democratici di Sinistra. Un partito dove Renzi non ha più spazio e ne è la dimostrazione l’esclusione dai tavoli di concertazione di posti e incarichi, l’organizzazione in mano ai nemici di un tempo, il doppio filtro partito-governo a limitare la proposta politica della sua corrente. Quello di Renzi, invece, nasce da un’idea diversa, certamente più moderata. Un nuovo contenitore politico che strizza l’occhio anche al centro destra ed in particolare a Forza Italia ed a Berlusconi ed a tutti i moderati che non si riconoscono nella destra salvinana, nel Movimento 5 stelle di Luigi Maio né nel Partito democratico di Nicola ZIngaretti.  

* GIA’ SEGRETARIO PD CASAMICCIOLA TERME

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close