CULTURA & SOCIETA'

Il fascino e la storia della “lingua di bue”

Oggi rendiamo omaggio al nostro dolce tipico “la Lingua di bue”, una nostra specialità apprezzata ovunque e portata sull’isola di Procida dal mitico Pasquale Mazziotti. Un dolce che ricorda la forma di una lingua, fatto di deliziosi strati di pasta sfoglia, farcita con crema e ricoperta da granella da zucchero. La famosa Lingua di Bue, dolce tipico procidano, è nota anche come “Lingua di Suocera” (forse per volere di qualche nuora o genero che non vedeva di buon occhio la propria suocera). Il dolce è stato inventato dal pasticcere, siciliano di origini ma napoletano di adozione, Pasquale Mazziotti, che, trasferitosi a Procida negli anni ’50, aprì la sua pasticceria proponendo una nuova versione di un dolce tipico siciliano fatto di un solo strato di pasta sfoglia e crema pasticcera. Da allora la “Lingua” è diventata il dolce simbolo di Procida.

La lingua di Procida è sicuramente ottima per la prima colazione, ma si usa mangiarla anche durante le feste e ad ogni ora del giorno e anche della notte.

Il nome del bar pasticceria preso in gestione dal pasticcere Mazziotti prima che desse vita alle lingue di Procida si chiamava “O cafè r Barone”. Solo più tardi cambiò nome, diventando quello che oggi è conosciuto come il “Bar Roma”.

Attualmente, sotto la nuova gestione dei cugini Ignazio e Michele, il locale è diventato uno dei punti di riferimento della pasticceria procidana e napoletana, e alla loro famosa “Lingua di Procida” è stato attribuito, già da molti anni, il riconoscimento DE.CO. (Denominazione Comunale). Il “bar Roma” procidano vede la luce alla fine degli anni ’30 del secolo scorso per opera di un signore del posto, Nazareno Barone, che abitava, insieme ad una sorella Agnese, proprio sopra i locali del bar, in un appartamento del Pio Monte dei Marinai. Erano gli anni del caffè preparato con la caffettiera napoletana, delle premute e delle granite di limone. Dopo fu la volta di Totore Bruttopilo che cominciò a gestire il bar.

Cominciavano ad arrivare a Procida i primi turisti: allora anche intellettuali di primo piano, attirati dalla particolarità dell’isola. E così sbarcarono a Procida e si sedettero ai tavolini, dalla base di marmo ed i piedi di ghisa del bar Roma, personaggi del calibro di Moravia, Elsa Morante, Cesare Brandi. Ma passò anche Totore Bruttopilo e venne Pasquale Mazziotti che pensò bene di impiantare nel locale una pasticceria che prima non c’era. Dopo anni ed anni di successi, anche il mito e la professionalità di Pasquale, mai dimenticati, passarono e da qualche decennio troviamo due giovani, Ignazio Righi e Michele Costagliola di Fiore. Non c’è nessuno che viene a Procida che non se ne va con il suo bel vassoio di queste delicatezze. Non c’è procidano che al mattino non fa colazione con la lingua di bue.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex