Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Ischia celebra l’undicesima Giornata nazionale dei Volontari Ospedalieri

La sezione ischitana ha organizzato per il prossimo 24 ottobre degli info point per far conoscere la realtà all’isola

La Federavo, Federazione di tutte le AVO presenti in Italia, in occasione della XI Giornata Nazionale dell’Associazione Volontari Ospedalieri, che si terrà il prossimo 24 ottobre 2019, promuove il progetto “Vivi Social: Diventa Volontario”. Anche l’AVO di Ischia aderisce al progetto che vedrà l’organizzazione di un info point con lo scopo di far conoscere il lavoro dell’associazione e, in particolare, l’importanza per la comunità del servizio di volontariato reso in un ambiente ospedaliero.

Tra gli obiettivi della giornata c’è quello di ribadire l’importanza e la specificità dell’apporto che i giovani possono portare a questo tipo di volontariato e stimolare nei ragazzi la voglia di mettersi in gioco in prima persona, offrendo loro la possibilità di passare dai “Social” al “Sociale”: fatto di rapporti reali, di incontri veri, di sguardi, di parole dette ed ascoltate. «La Giornata Nazionale sarà per noi Volontari dell’Ospedale “Anna Rizzoli” anche un momento di riflessione sul nostro operato all’interno del nosocomio Lacchese e per questo allestiremo 2 punti informazione. Uno a Piazza Croce e l’ altro presso il Piazzale Aragonese dove ci saranno i volontari a dare informazione a chiunque volesse avvicinarsi a questo tipo di volontariato. Vi aspettiamo numerosi».

È questo l’invito della presidentessa Teresa Sasso che, sin dall’inizio del suo mandato, ha tenuto a voler avvicinare i giovani a quest’ organizzazione di volontariato senza finalità di lucro riconosciuta a livello nazionale come una delle più importanti realtà nel settore socio-sanitario. Sono circa 25.000, infatti, i volontari che ogni giorno, in oltre 250 sedi in tutta Italia, prestano un servizio concreto, costante e gratuito accanto ai pazienti e ai loro famigliari negli ospedali, negli Hospice, nei Centri diurni per disabili e per malati psichiatrici e nella case di riposo accanto agli anziani. Tale queste realtà è presente anche a Ischia, dove opera un gruppo di volontari che presta servizio di ascolto e conforto morale e psicologico agli ammalati. «Il nostro gruppo di volontari ospedalieri – ha aggiunto ancora Teresa – è formato anche da giovani che donano parte del proprio tempo libero per il servizio di volontariato ospedaliero e per l’organizzazione di eventi e iniziative volte a promuovere la visibilità dell’ AVO e a favorire l’ingresso nell’associazione di nuovi ragazzi».

È grande l’impegno dei nostri volontari che, la scorsa settimana, erano tutti presenti all’incontro “dalla conoscenza di me alla relazione con il malato” con la Dott. Nadia Penniello in Biblioteca Antoniana. Tra i relatori anche Padre Maurizio, il nuovo padre guardiano del Convento dei frati minori di Sant’Antonio da Padova che ha parlato loro di “Spiritualita e volontariato”. Questi sono solo due degli incontri di formazione che hanno arricchito il gruppo sia spiritualmente che moralmente. Qualche settimana fa, infatti, a mostrare loro il funzionamento del Triage e la specificità dei vari reparti del Rizzoli ci ha pensato il dott. Di Gennaro, primario di medicina generale. E’ stato lui a definire fondamentale la presenza dei volontari Avo in termini di carta di servizi, «per il reparto di pediatria c’è la presenza costante della mamma, ma sono tanti i pazienti che cercano compagnia e conforto».

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex