ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Ischitani che si fanno onore ANDREA, dal 1958

DI ANTONIO LUBRANO

Le pubbliche relazionI, l’immagine, le buone maniere, il sorriso, la stretta mano, le pacche sulla spalla  e quant’altro faccia parte del suo repertorio della  cortesia, sono tutti gradevoli e misurati atteggiamenti del suo  estroverso carattere. Andrea Impagliazzo  il Patron dal 1958 della Taverna-Ristorante Giardino degli Aranci è fatto così.  Mette la buona accoglienza al primo posto per diventare soprattutto amico del cliente al primo impatto.. Tanti anni fa, lui giovane playboy isolano, prim’ancora di trasformare un vecchio cortile con piante di aranci vive e vegete, in una taverna per la clientela tedesca, italiana e ischitana, si fa notare ballando nientemeno che  con Anna Magnani impegnata ad Ischia nelle riprese del film Suor Letizia, era il 1956. Quella fu la sua prima “uscita” mondana che lo consacrò alla vita notturna ischitana  che dura tutt’ora e continuerà finchè  Andrea si sente protagonista. Andrea è tipo che tutta la documentazione d’immagine del suo locale fra fotografie, diplomi, attestasti di merito, articoli di giornali,  medaglie e trofei, non la nasconde in qualche remoto cassetto del vecchio mobilio di casa propria, lasciata lì nell’oblio del tempo che vola via inesorabile. Egli fa di meglio,  per rispetto della storia e dei protagonisti che in questi sessant’anni di attività  hanno frequentato ed affollato la sua Taverna, diventata subito locale alla moda della buona ristorazione e della bella vita notturna fra musica, canzoni, scenette ed allegria a mille. Tiene tutto esposto attaccato alle  pareti  del locale a fare bella mostra di se alla  vista di chi si ritrova in quelle immagini e di chi scopre momenti magici vissuti nello storico Giardino degli Aranci. Andrea considera i suoi clienti, personaggi famosi e turisti comuni, i protagonisti della storia del suo locale. Accanto alle foto dei turisti comuni, Andrea con orgoglio mostra le immagini dei personaggi famosi dello sport, della politica, dell’arte, della musica e sopratutto del cinema che hanno fatto visita ed intrattenutisi nel suo locale come Amedeo Nazzari, Walter Chiari, Liz Taylor e Richard Burton, Tognazzi, Alberto Lupo, Celentano, Visconti, e l’immancabile Angelo Rizzoli. Infine Lino Banfi, Sergio Leone, Giuliana De Sio, Galeazzi, Maradona, Giacomo Rondinella. Insomma è .una galleria in cui Andrea si trova perfettamente a suo agio, perchè tutto quello che lo circonda è parte della sua vita fra la vasta ed affezionata clientela del suo Giardino degli aranci.

         antoniolubrano1941@gmail.com

 

 

 

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close