CRONACAPRIMO PIANO

La Festa della Donne e le voci dall’isola

Oggi ricorre la Giornata internazionale dei diritti della donna e come ogni anno è fondamentale fare riflessioni sulle conquiste fatte negli anni e su quello che ancora deve essere fatto

Molto spesso si tende a parlare generalmente di Festa della donna, ma sappiate che è una terminologia sbagliata e impropria. Infatti, questa giornata è dedicata al ricordo e alla riflessione sulle conquiste politiche, sociali, economiche del genere femminile nel corso degli anni, in particolare quelle del secolo scorso, ed è dunque più corretto parlare di giornata internazionale della donna. Acclarato il significato di questa data è importante affrontare un altro aspetto che spesso crea confusione. Per diverso tempo l’origine dell’8 marzo si è fatta risalire a un incendio avvenuto nel 1908, che avrebbe avuto come protagoniste alcune operaie dell’industria tessile Cotton di New York, rimaste uccise nel rogo.L’incendio del 1908, in realtà, è stato confuso con un altro incendio nella stessa città, avvenuto nel 1911 e dove si registrarono ben 146 vittime, fra cui molte donne.

La nascita della giornata internazionale della donna, in realtà, esula da queste immani tragedie ed è da ricercarsi altrove, ovvero nel clima politico di inizio ‘900 quando molte donne cominciarono giustamente a reclamare maggiori diritti (in particolare il diritto di voto). L’idea di istituire un giorno dedicato alle donne nasce nel 1907, quando dal 18 al 24 agosto a Stoccarda si svolse il VII Congresso della II Internazionale socialista, seguito dalla conferenza internazionale delle donne socialiste tenutasi dal 26 al 27 agostocon Clara Zetkin in qualità di segretaria. In questi due eventi si parlò apertamene del suffragio universale e al termine dei meeting fu istituito l’Ufficio di informazione delle donne socialiste. Nonostante tutto non si riuscì a trovare la quadra e così, nel febbraio 1908, Corinne Brown, una figura apicale del movimento socialista americano, presiedette la conferenza del Partito socialista a Chicago che venne ribattezzata “Woman’s Day”. Nel coso di questo storico incontro vennero affrontati temi come lo sfruttamento delle operaie da parte dei datori di lavoro, le discriminazioni di genere e il diritto di voto. Per questa ragione, a partire dall’anno successivo, il 23 febbraio si celebrò in tutta la nazione la prima Giornata nazionale della donna.Nel 1910, intanto, l’Internazionale Socialista si riunì a Copenaghen e proclamò ufficialmente la prima Giornata della Donna a livello internazionale, coinvolgendo molti paesi come Germania, Austria, Danimarca e Svizzera. Il Woman’s Day continuò a essere celebrato Negli Stati Uniti e in altri paesi europei fino al 1914, quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale.

A San Pietroburgo, l’8 marzo 1917, le donne manifestarono per chiedere la fine del conflitto mondiale.In seguito, per ricordare questo evento, durante la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste che si svolse a Mosca nel 1921 fu stabilito che l’8 marzo diventasse la Giornata internazionale dell’operaia. Nel nostro paese la prima Giornata internazionale della donna si è svolta per iniziativa del Partito comunista d’Italianel 1922, ma il 12 marzo e non il fatidico 8. Negli anni successivi il movimento per la rivendicazione dei diritti delle donne è cresciuto sempre di più e nel settembre 1944 a Roma è stato istituito l’UDI (Unione Donne Italiane)che ha deciso di celebrare il successivo 8 marzo la giornata della donna in tutta Italia, mentre nel 1946 è stata introdotta la mimosa come simbolo di questa giornata dal momento che è un fiore di stagione e poco costoso. Da allora molto è stato fatto per migliorare la condizione di tante donne, ma la strada per raggiungere una perfetta parità di genere è ancora lunga e piena di ostacoli. Per riflettere sull’importanza dell’8 marzo abbiamo deciso di sentire alcune note personalità isolane che hanno voluto dare le proprie impressioni:

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex