Statistiche
CRONACA

Lavoro nero e sicurezza, stangata dei carabinieri

Gli uomini guidati dal capitano Tiziano Laganà hanno denunciato l’amministratore di un’azienda di Procida e il titolare di una struttura alberghiera casamicciolese: emesse sanzioni per complessivi 32.000 euro

E’ da sempre uno degli anelli deboli e lo dimostrano i risultati conseguiti negli ultimi anni sul territorio isolano da parte delle forze dell’ordine. Che, in alcune circostanze, hanno anche ricevuto una eco nazionale. E anche stavolta un’operazione condotta dai militari dell’Arma non ha smentito un copione ormai decisamente consolidato. Parliamo dei risultati ottenuti nell’ambito di un servizio a largo raggio svolto dai carabinieri delle Stazioni di Procida e di Casamicciola Terme – guidate dal capitano Tiziano Laganà, appena insediatosi al comando della Compagnia isolana – in collaborazione con i colleghi del Nucleo dell’Ispettorato del Lavoro di Napoli. Sul territorio è stato eseguito un capillare controllo (che ha interessato svariate attività) volto al contrasto del fenomeno del lavoro sommerso ma anche alla verifica del rispetto delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Con discrezione ma altrettanta efficacia, sono stati diversi esercizi ed alla fine i risultati come detto non sono mancati.

Il bilancio dell’attività infatti parla di due soggetti denunciati in stato di libertà all’autorità giudiziaria. Nel primo caso a finire nei guai è l’amministratore unico di una società che con un’azienda di Procida si occupa della vendita e della somministrazione delle bevande. Il secondo imprenditore deferito è invece il titolare e legale rappresentante di una attività alberghiera ubicata nel Comune di Casamicciola Terme, responsabile di omessa visita medica e omessa formazione del personale. Per la cronaca le due aziende si sono viste anche comminare sanzioni per un totale di ben 32.324 euro. Non è tutto, nei confronti della ditta di Procida è arrivato il pugno di ferro con l’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività visto che nel corso del controllo è stata anche riscontrata la presenza di un lavoratore in nero. A tal proposito, sono state complessivamente controllate le posizioni di 21 impiegati, tutti gli altri evidentemente risultati regolarmente assunti. Considerato che la stagione turistica – a giudicare dalle previsioni – è ancora ben lungi dal terminare, i controlli dei carabinieri in questo delicato settore proseguiranno anche nelle prossime settimane.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex