CULTURA & SOCIETA'

LE STORIE DI SANDRA La storia della famiglia De Simone

17 / 100

DI SANDRA MALATESTA

E tra le strade in cui ho giocato ci sono Via Bighelli e Via Francesco Buonocore dove vivevano anche i De Simone o, almeno alcuni dei tanti fratelli e sorelle De Simone. Una di queste era Rosaria che ricordo molto bene in quanto mia mamma la conosceva e spesso andavo con lei a trovarla. Rosaria nacque il 12 maggio 1916 proprio a Via Buonocore vicino alla casa di Nannina (razza a Cumnion) e fin da piccola mostrò di essere forte di carattere, quel carattere che poi, crescendo, l’ha portata a fare scelte difficili per quei tempi. Lei sposò un soldato napoletano di Secondigliano, ma le cose non andavano bene tra loro perché lui cercava di portala al suo paese e Rosaria mai avrebbe lasciato la sua famiglia. Cosi aiutata da suo fratello Ventura, riuscì a divorziare, cosa incredibile per quei tempi e questo dimostra quanto lei sapesse lottare per la sua vita. Conobbe poi un maresciallo che sposò in seconde nozze, il famoso “Capo” che ricordo bene e che fu proprio una brava persona. Ebbero una figlia, Francesca, che fu tanto amata e che pur essendo poi sposata e avendo tre figli, non ha mai voluto staccarsi da quella mamma in gamba.

Rosaria De Simone ha sempre lavorato, sia lavando panni al palazzo Reale, sia vendendo al mercato. Ma da lei si andava soprattutto per stare insieme. Una donna disponibile e sorridente, che non si è mai tirata indietro, accudendo una mamma paralitica, la famiglia e i nipoti con la sua presenza costante. Volevo bene a Rosaria che era tanto legata alle mie zie, le sorelle Di Meglio e se non sbaglio è andata alle elementari con una di loro. I De Simone erano molti figli nati da Antonio De Simone( calzolaio venuto da Pozzuoli) che si sposò a Ischia ma rimase presto vedevo della prima moglie e, come si usava allora, sposò in seconde nozze la sorella di lei.I figli erano: Concetta che lavorava a Napoli presso famiglie benestanti, Il nostro Rito Vigile urbano, sposato con Ada Lombardi e padre di Antonio (amico caro di mio fratello con il quale amava nuotare per ore e morto troppo presto proprio in quel suo amato mare) Erasma, Lia e Carmen. Ventura professore di lettere e filosofia, Carmelina stiratrice all’albergo Conte, nata dalla prima moglie di De Simone, è non sposata. Salvatore sposato con Emma Donzelli senza figli, faceva il cameriere al Palazzo Reale ed era legato a mio zio Gigino che gli voleva tanto bene.

Rosaria di cui ho detto

Elena detta Elenuccia sposata Tortora mamma di Risario, Nello e Antonio.

Ads

Dire De Simone nei nostri vicoli significava prima di tutto di tutto di gente seria, onesta e lavoratrice, e poi per me bambina, soprattutto dire di Rosaria, Elena e Rito, quelli con cui sono cresciuta giocando con alcuni del loro figli. Il ricordo di Rosaria dovevo farlo perché lei fa parte della storia della nostra spiaggia e anche perché fu l’esempio di forza, e di simpatia allo stesso tempo. Passo svelto, viso bello, sembrava di ferro. Mai si fermava, il suo pensiero era dare un buon avvenire a sua figlia che poi le ha riempito la vita con i suoi figli tra cui la mia amata alunna Rita, che è rimasta tanto legata al ricordo di sua nonna, da farmi commuovere quando ne parla. Anche Rita come molti De Simone, ha i colori del sole, chiari, quasi rossicci, ed è svelta e in gamba come tutta quella famiglia. Cara Rosaria, sai, una bimba che va con sua madre a trovare un’amica, e riceve carezze e sorrisi, poi da adulta fa di quei sorrisi un tesoro. Quella bambina sono io Rosaria e ho voluto ricambiare le tue carezze parlando di te, grande donna di quei tempi, con la mente proiettata al futuro e penso alle parole che dicevi a mamma: ” Emma ringraziando Dio sto bene, ho cucinato a prima mattina e ora devo lavorare, se ti serve qualcosa dimmelo e domani ti faccio trovare tutto” Ecco questa era Rosaria De Simone di cui ricordo soprattutto quel sorriso dolce che faceva a noi piccoli…

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex