CRONACAPRIMO PIANO

Legnini e l’ordinanza, così la frana ha “cambiato” la ricostruzione

Il commissario firma il dispositivo di proroga di 45 giorni per le misure post sisma 2017. Torneranno utili a garantire la fase dell’emergenza alluvione 2022 e per prevedere una ricostruzione unitaria che tenga conto dei distinti (eppure legati) eventi calamitosi

L’emergenza alluvione ad Ischia e inequivocabilmente in una fase di stallo. Non è certo un modello di perfezione e di celerità amministrativa la Ricostruzione post sisma 2017 che con i fatti del 26 novembre scorso ha inevitabilmente subito una battuta di arresto. Proprio per la ricostruzione post sisma, come anticipatovi dalle pagine del nostro giornale, e ‘stata pubblicata l’ordinanza con cui si prorogano di 45 giorni tutti i termini legati alla ricostruzione legata al terremoto di cinque anni fa, guidata proprio dal Commissario Giovanni Legnini. L’Ordinanza e‘ la n. 20 del 19 dicembre 2022 e si pone l’obbiettivo di prorogare i termini per la presentazione e l’esame delle domande di risarcimento dei danni causati dagli eventi sismici a far data dal 21 agosto 2017 nell’isola di Ischia. Cinque pagine e tre articoli con spostano la dead line per i terremotati in attesa di svolte e interventi che rendano possibile prevedere un futuro qui nel cratere di Ischia. Solo un procrastinare i termini nessuna scienza rivoluzionaria. Anzi, tutto cambia, perché tutto resti come e´!

In particolare, le misure riguardano le seguenti misure:

  • −  l’ordinanza n. 2 del 6/12/2018 per il finanziamento degli interventi di immediata riparazione delle abitazioni, delle aziende produttive danneggiate e temporaneamente inagibili in conseguenza di “danni lievi”, ovvero danni inferiori alla soglia del 30%;
  • −  l’ordinanza n. 4 del 15/2/2019 per la regolamentazione delle modalità di concessione dei contributi ai privati per la ricostruzione da “danni lievi”;
  • −  l’ordinanza n. 7 del 27/9/2019 per il ripristino con miglioramento sismico e la ricostruzione di immobili a uso abitativo e a uso produttivo “gravemente danneggiati o distrutti” dal sisma del 21 agosto 2017, che viene modificata e novellata con le disposizioni della presente ordinanza;
  • −  le ordinanze n. 7 bis del 27/11/2020 e n. 7 ter del 14/10/2021, recanti disposizioni di semplificazione e adeguamento dell’ordinanza commissariale n. 7/2019;
  • −  l’ordinanza n. 17 del 31 maggio 2022 recante “Misure per la semplificazione e l’accelerazione degli interventi per la ricostruzione privata degli immobili danneggiati dal sisma del 2017 nei Comuni dell’isola di Ischia”;
  • −  l’ordinanza n. 18 del 31 agosto 2022, recante “Misure in favore delle imprese danneggiate dal sisma del 21 agosto 2017 ubicate nei comuni Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno e disposizioni sui termini”.

La previsione che sposta inla i terminie ‘possibile grazie alle vigenti previsioni normative che consentono agli Enti ed alle figure preposte possono autorizzare, per giustificati motivi, la proroga del termine. La proroga investe anche il lavoro della Conferenza Speciale dei Servizi (C.S.S.) e i suoi termini endoprocedimentali per l’avvio e la definizione della stessa Conferenza.Dettagliatamente la questione le “Tempistiche relative alle Conferenze già svolte e relative alla presentazione di integrazioni richieste ai tecnici”, nonché le modalità attuative della precitata conferenza e, segnatamente, i passaggi dettanti ulteriori termini endoprocedimentali. Un ruolo importante ovviamente riveste la definizione dei procedimenti amministrativi finalizzati all’erogazione degli aiuti alle imprese previsti dalle precitate ordinanze che riguardano il comprato imprenditoriale.Come è noto con delibera del Consiglio dei ministri del 27 novembre 2022 è stato dichiarato, per dodici mesi, lo stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nel territorio dell’isola di Ischia , a partire dal giorno 26 novembre 2022. Come sottolinea lo stesso Legnini dalle prime ore di quel maldetto giorno “il territorio dell’isola di Ischia è stato interessato da eventi meteorologici di eccezionale intensità che hanno determinato una grave situazione di pericolo per l’incolumità delle persone, causando vittime, dispersi, l’allagamento e l’isolamento di diverse località e l’evacuazione di numerose famiglie dalle loro abitazioni”.Anche per questo il commissario del terremoto con l’OCDPC n. 948 del 30 novembre 2022, recante “Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nel territorio dell’isola di Ischia, a partire dal giorno 26 novembre 2022” e, in particolare, il Commissario straordinario del Governo per gli interventi nei territori dei Comuni di Casamicciola Terme, Forio, Lacco Ameno dell’isola di Ischia interessati dagli eventi sismici del giorno 21 agosto 2017, è stato nominato Commissario delegato, affidando allo stesso il coordinamento degli interventi necessari a fronteggiare il predetto contesto emergenziale. Vicende che si intersecano e che almeno fino al prossimo 31 dicembre l’onorevole del centro Italia avrà facoltà̀ di derogare, per comprovati motivi attinenti alla realizzazione delle attività̀ ivi contemplate, alle disposizioni normative sul procedimento amministrativo.

Il fine particolare è quello di consentire alla cittadinanza interessata di beneficiare degli aiuti e delle misure di emergenza e agli uffici pubblici di graduare impegni che nel frattempo si sono comprensibilmente moltiplicati

Sfruttando i poteri concessigli il commissario ha rinvenutola straordinaria necessità ed urgenza di emanare ulteriori disposizioni per fronteggiare gli eccezionali eventi calamitosi verificatisi nel territorio dell’isola di Ischia a partire dal giorno 26 novembre 2022, al fine, in particolare, di consentire alla cittadinanza interessata di beneficiare degli aiuti e delle misure di emergenza e agli uffici pubblici di graduare gli impegni per il tempo strettamente necessario a fronteggiare i nuovi eventi emergenziali. E’ evidente in ciò l’opportunità di prorogare i termini per la presentazione delle domande di contributo nonché́ per gli adempimenti procedimentali degli uffici, previsti dalle ordinanze su trattate, “anche ai fini di una rivalutazione delle misure necessarie per gli edifici danneggiati dal sisma del 2017 alla luce degli effetti determinatasi dopo la grave frana del 26 novembre 2022, del riesame dei rischi da dissesti idro-geomorfologici nonché dell’ampliamento della zona rossa determinato dalla delibera del Commissario straordinario con i poteri di Consiglio del Comune di Casamicciola in data 2 dicembre 2022, con cui sono state individuate le prime misure speditive di protezione civile per la messa in sicurezza della popolazione”. In questo giocherà un ruolo determinante il lavoro dell’altro Commissario agli studi Italo Giulivo (una sorta di badante commissariale ndr). Sulla opportunità di prevedere questa traslazione dei termini e ‘stato reso anche il parere reso dall’esperto della Struttura Commissariale lo scorso 11 dicembre 2022.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex