Statistiche
CRONACA

L’isola piange Vincenzo Savarese, addio a un gentiluomo

Aveva due grandi passioni, la politica e il giornalismo: la prima lo ha visto sempre coerentemente uomo di destra, con la seconda lascia un vuoto incolmabile nella comunità isolana

Aveva 68 anni, Vincenzo Savarese, ma soprattutto aveva due grandi passioni: la politica e lo sport. La prima l’ha vissuta da uomo di destra, iniziando dal MSI, e l’ha proseguita sempre con straordinaria ed immutata coerenza, davvero merce rara di questi tempi. La seconda, lo ha visto nelle vesti di giornalista (sportivo ma non solo) ben voluto ed apprezzato da tutti. Ecco perché ieri, quando si è sparsa la notizia della scomparsa di Vincenzo, che da tempo combatteva contro un male che alla fine è riuscito ad avere la meglio, un velo di tristezza e commozione si è levato ad ogni latitudine e longitudine della nostra isola. Specialmente da parte di chi ha avuto modo di conoscere Savarese e sa che è andato via una persona perbene, un Gentiluomo volutamente con la maiuscola.

Un ritratto decisamente toccante di Savarese lo ha tracciato chi con lui ha condiviso un percorso politico comune, ossia Luciano Venia, che ha voluto onorarne la memoria così: “Parlare di Vincenzo Savarese appassionato giornalista sportivo e qualificato amministratore pubblico e dirigente politico e’ insieme semplice e difficile. La semplicita’ deriva dalla straordinaria bonomia di Enzo, dalla sua irrevocabile fede nelle idee professate anzi nella ideologia Sociale che lo ha accompagnato per tutta la vita. Di animo nobile, incline al confronto sempre e con chiunque, ha raggiunto grossi traguardi ricoprendo anche la carica di Assessore del Comune di Forio. La difficolta’ e’ data dal rapporto umano di affetto e amicizia che ci ha legato. Anche per me e’ stato un maestro, un amico, un fratello maggiore e un compagno di viaggio. Confesso che apprendendo la notizia ho vacillato come se un pezzo di storia sia improvvisamente scomparso perche’ mille vicende, tante immagini, i ricordi di molteplici avventure si sono affollate nella mente. Un uomo generoso, puro, passionale che non ha mai perso l’anima e ha amato la sua meravigliosa famiglia, la cara moglie Concetta e i figli Valentino, Maria e Salvatore con ardore; allo stesso modo ha saputo aggregare tanti giovani che lo hanno amato e seguito per anni. Lui stesso e’ stato sempre giovane dentro, di mente e di cuore, mai abbrutito o cambiato dalle regole del mercimonio. Puro e splendente come un cristallo ma duro e inossidabile come il quarzo, temprato come l’acciaio, forte come una roccia che sfida tutte le intemperie della vita. E’ stato tra gli animatori e i dirigenti del Movimento Sociale Italiano prima e di Alleanza Nazionale poi e infine tra i fondatori di Fratelli d’Italia. Mi riservo una parola per i figli, siate orgogliosi di vostro Padre Vincenzo Savarese e’ stato un uomo Buono e Onesto. Procedete a testa alta, senza paura”.

Vincenzo Savarese è stato anche se non soprattutto un apprezzato giornalista. Tra l’altro fu direttore del settimanale Ischia Oggi, a ricordarlo è Benedetto Valentino: “Vincenzo Savarese era buono, forse uno delle persone più corrette che ho conosciuto. È stato sempre fedele alle sue idee e ai suoi ideali. Fedele alla tradizione di famiglia, con il padre che era stato uno dei partecipanti alla Marcia su Roma. Fu uno dei più attivi giornalisti isolàni dedicandosi fin dalla prima ora alla fondazione di radio e soprattutto di televisori. Fu collaboratore di Domenico Di Meglio e direttore di Ischia Oggi. Fu per me soprattutto un amico. Mi presento lui mia moglie Erminia che collaborava con la sua televisione, insieme ad Agostino Palmisano, che poi sposai e Vincenzo mi fu testimone di nozze. Ho perso un amico. Addio Vincenzo, che la terra ti sia lieve”.

Articoli Correlati

0 0 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x