Statistiche
ARCHIVIO

Lo sciopero della Caremar visto dall’Autmare

E’ il primo sciopero dei lavoratori Caremar da quando i privati  Snav e Rifim/ Medmar al vertice dell’Azienda sono subentrati per effetto della sciagurata privatizzazione portata a conclusione dal Pres. De Luca; uno sciopero annunciato che fu oggetto di una vivace riflessione nella recente assemblea promossa da Autmare al Calise d’Ischia.

Nei giorni scorsi l’Azienda Caremar ha comunica ai marittimi ed ai Sindacati la fine della vecchia contrattazione di secondo livello, come da accordi generali di Roma ai primi di luglio, in uno alla proposta ( che poi si è dimostrata una imposizione! ) di una nuova organizzazione del lavoro a bordo, ignorando il CCNL e le prescrizioni della 108/2015. Una proposta che trova subito l’avversione dei lavoratori perché, oltre ad essere ingannevole per quanto riguarda la continuità del posto di lavoro, si presenta  in contrasto le normative nazionali ed europee sull’affaticamento ed i tempi di riposo.

Ne è nato subito e non poteva essere diversamente un braccio di ferro tra i dipendenti e l’azienda Caremar che non è da sottovalutare dal momento che la scelta aziendale che si vuole imporre riguarda problematiche sindacali e di  democrazia partecipativa dei lavoratori marittimi alle scelte aziendali, ma anche questioni che riguardano la sicurezza a bordo ( che unisce i lavoratori e gli utenti ! ) quando le scelte che si vogliono introdurre riducono le potenzialità di bordo ( per riduzione di personale e/o per affaticamento dello stesso ) per una risposta seria ed efficace ad una probabile emergenza,che è bene non sottovalutare mai.

I lavoratori chiedono l’applicazione del CCNL di otto ore lavorative e non escludono una nuova contrattazione aziendale se concordata e non penalizzate. Ma le cose sono andate diversamente anche durante il recente incontro “ di raffreddamento” tenutosi nella Prefettura di Napoli tra le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl,Uiltrasporti, Ugl Trasporti e Orsa Marittimi e i vertici della Caremar. Fin qui la cronistoria dei fatti!. Ma lo sciopero in atto, sia pure pregnante di preoccupazioni per la conservazione del posto di lavoro e della dignità del lavoratore,  non esonera nessuno da una riflessione più ampia a monte dell’evento che parli di Europa e di liberalizzazione e non di privatizzazione, di atti arroganti contro la volontà espressa dal Consiglio Regionale del 2009 ribadita nell’accordo Stato-Regione del 2010, di politiche regionali governative avverate in questi anni con il complice silenzio della Consiglio regionale e delle istituzioni locali; della recente scelta governativa quanto mai inopportuna che ha portato lo scompiglio tra i lavoratori per niente garantiti dalla cessione e dal contratto di servizio firmato il 16 luglio 2015.

Intanto ci raggiunge la notizia, non ancora ufficializzata da atto d’invito, secondo cui – su richiesta del Consigliere Regionale avv. Mariagrazia Di Scala – per il prossimo 26 nov. il Presidente della IV Commissione Permanente, Luca Cascone, ha convocato un’audizione sulle problematiche dei collegamenti marittimi nel Golfo di Napoli, con la partecipazione del mondo associativo e sindacale. Non conosco l’odg,  ma è certo che l’ampia piattaforma presentata dalla Di Scala è al centro della discussione e si parlerà quindi della inadeguatezza del piano orario e delle tante questioni legate alla mobilità: rispetto delle regole, potenziamento e riqualificazione delle strutture a terra per l’accoglienza e l’attesa, questioni legate alla bigliettazione, politiche tariffarie, della qualità del naviglio, ,…. e, non, ultimo della salvaguardia del posto di lavoro dei dipendenti Caremar anche come momento di sensibilizzazione e d’impegno collettivo perché la sicurezza a bordo non venga minata dai profitti aziendali.

Ads

Un dibattito sicuramente interessante a 360 gradi che in quanto tale non potrà prescindere da quanto permane nel Golfo in termini di monopolizzazione dei servizi e delle aree portuali anche per effetto di un Regolamento per i residuali che è restrittivo della concorrenza e da quanto potrebbe accadere ( Toscana e Sicilia insegnano!! ) se il Garante della concorrenza, sconfitto dal TAR Lazio circa il Cartello esistente nel Golfo di Napoli, dovesse aver ragione a livello di Consiglio di Stato, come è certamente prevedibile poiché la realtà che viviamo e che dura da oltre diciotto anni certamente non potrà essere sottaciuta o ridimensionata da una sentenza.

Ads

Staremo a vedere!

Nicola Lamonica

 

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button