CRONACA

Metrò del mare, la Regione Campania ci riprova

Più contributi agli armatori per rendere appetibile l’assegnazione del servizio. Già nel 2023 il bando era stato infruttuoso ed in questo 2024 alla prima chiamata regionale non ha risposto nessun operatore

E’ stato pubblicato il nuovo bando, sul portale gare della Regione Campania, per l’assegnazione dei servizi del Metrò del Mare sul versante cilentano e vesuviano.Tentativi analoghi ed a vuoto era stati fatti nel 2023 ed anche in questo 2024 si è registrato l’infruttuoso esito del primo avviso regionale, mentre le isole del Golfo di Napoli sono già state assegnate un anno fa. A fine maggio la direzione mobilità della Regione Campania ha predisposto il nuovo bando pubblico, sempre mediante procedura aperta, per selezionare poi la migliore offerta con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, procedendo “all’aggiudicazione anche nel caso in cui sia pervenuta o sia rimasta in gara una sola offerta valida”. Il bando è, come in precedenza, articolato in tre lotti, due interessano quello cilentano e uno quello vesuviano, mentre cambiano gli importi a base di gara e la durata del servizio. L’aumento nelle previsioni di assegnazione dei contributi per favorire l’attivazione di linee marittime estive verso alcune delle sue località turistiche costiere che fin qui non erano state ritenute appetibili dagliarmatori eccetto che per le isole del golfo partenopeo.

Per questo nuovo tentativo, l’ente ha innalzato il valore del sostegno economico previsto, limitandone però la durata alla estate 2024 e non al biennio 2024-2025 come nella precedente edizione. Precisamente, si apprende dalla documentazione resa disponibile nei giorni scorsi, il bando stanzia ora un ammontare di 1,917 milioni di euro, a favore però dell’attivazione delle linee nel periodo 1 luglio – 30 settembre 2024. Prima di comprendeva anche l’attivazione di linee nel 2025, con avvio il prossimo anno già al 15 giugno. Tutto sta nel capire se gli incrementi fissati saranno sufficienti a muovere l’interesse degli operatori, che nel caso dovranno farsi avanti entro il prossimo 10 giugno. Una svolta nelle procedure attesa dagli operatori turistici, ma anche dagli utenti per un servizio che offre alternative e funzionalità in termini di mobilità per la Regione Campania. I collegamenti avranno durata, per il solo anno in corso, dall’1 luglio al 30 settembre. Gli importi a base di gara lievitano a 776.818 euro oltre Iva, mentre il secondo prevede uno stanziamento di 718.318 e il terzo di 421.890 euro. Orientativamente per raffrontarsi con il bando precedente (fallito), oggi si prevedeun contributo di circa 61 euro/miglia, mentre nella gara precedente era di 57,6 euro, il secondo sale a 49,6 euro rispetto agli iniziali 43,78 euro. Per il terzo l’aumento è più che consistete dagli iniziali 59,83 agli attuali 81 euro per miglia.I tre lotti per i servizi sul “versante cilentano”, ovvero con il I tra Salerno e la costa del Cilento e tra la stessa città e la Costa d’Amalfi, oltre che con il IIalla tratta Cilento – Capri e la Sapri – Capri – Napoli Beverello. Analogamente al III lotto del “versante vesuviano “,per collegamenti tra Napoli e Amalfi con scali diversi.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex