CULTURA & SOCIETA'

Napoli, al via l’edizione 2022 di “A più voci”

6 / 100

Al via a Napoli la IV edizione della rassegna “A più Voci” prodotta dalla Fondazione Pietà de’ Turchini che, da giovedì 10 a venerdì 18 novembre, accoglie tra la Chiesa di Santa Maria Incoronatella alla Pietà de’ Turchini e la Chiesa del Gesù Nuovo, cinque concerti di altrettante formazioni polifoniche. “La rassegna, che si avvale della consulenza artistica di Salvatore Murru, valorizza il repertorio polifonico – dice Federica Castaldo, presidente della Fondazione – con un programma che mette insieme realtà della più eterogenea provenienza e identità artistica. All’Incoronatella, dove si svolgeranno i primi 4 concerti, si aggiunge, grazie ad una collaborazione consolidata, la Chiesa del Gesù Nuovo per la chiusura del 18 novembre”. La rassegna comincia giovedì, alle 20.30, con “Schubertiade”, che affronta il repertorio del compositore austriaco. Ideato e diretto dal maestro Davide Troìa, il programma sarà eseguito dall’ensemble InCanto di Partenope con l’accompagnamento al pianoforte di Costantino Catena. Si prosegue venerdì 11, con “Cantando il Cinema” affidato al Coro Vocalia con la direzione di Luigi Grima e con Luca Iovine al clarinetto e Stefano Innamorati al pianoforte. In programma brani da capolavori come Jesus Christ Superstar, Nuovo Cinema Paradiso, West Side Story, Un americano a Parigi. Sabato il maestro Luigi Leo dirige il Coro Giovanile Campano in “Ave Generosa” che unisce, in un programma di ispirazione sacra, pagine di Byrd, Stopford, Di Bianco. Domenica 13, ancora all’Incoronatella ma alle 17, si esibirà il coro With Us, formazione vocale giovanile di Arezzo diretta da Camilla Di Lorenzo con un programma dal titolo “Perché cantando il duol si disacerba”, excursus tra autori del rinascimento ed autori del Novecento.
La rassegna termina, venerdì 18 nella Chiesa del Gesù Nuovo con “Cantus Feminae Voces” , “gli splendori del culto cristiano nella letteratura per musica dell’Ottocento” con l’Ensemble Vocale Femminile MeLòDe (Valentina Varriale, Maria Ercolano, Maria Cristina D’Alessandro) e con Olga Laudonia all’organo. In programma brani di Rheinberger, Fauré, Saint-Saens. 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex