CULTURA & SOCIETA'GALLERIA

Nel nome del padre (e non solo), Francesco Merola conquista Perrone

Venerdì scorso l’applauditissimo concerto del cantante e figlio d’arte che ha davvero strappato applausi a scena aperta ai presenti: a chiudere la serata uno spettacolo di fuochi pirotecnici

Nel nome del padre, tramandandone la voce, il fascino e tutto quello che ha rappresentato per Napoli. Ma facendo da ponte tra una generazione e l’altra in maniera autonoma e indipendente, con uno stile, una voce e un carisma che lo reputano un artista vero e non certo il “figlio di”, come potrebbe troppo facile venir fuori come luogo comune in casi del genere. Il concerto tenuto a Casamicciola Terme venerdì scorso (nella frazione di Perrone, in Piazzetta Sant’Antonio) da Francesco Merola – figlio di Mario, indimenticato re della sceneggiata napoletana – ha conquistato davvero tutti i presenti. Sì, tutti, anche chi si avvicinava ad un appuntamento del genere con qualche più o meno condivisibile pregiudizio. Perché tutto è stato realmente perfetto e prima ancora dello spettacolo è il caso di soffermarci sull’aspetto organizzativo.

Il concerto di Merola è stato in primo luogo caratterizzato da un’orchestra davvero apprezzata e di livello elevato e da un service e da un impianto audio e video da fare invidia ad artisti molto più celebrati. I led wall proiettavano tante immagini che riconducevano a papù Mario ma in realtà a tendere banco sul palco è stata la voce di Francesco, che ha spaziato nel repertorio napoletano per circa due ore raccogliendo applausi a scena aperta. Fino a quanto, aprendo le danze e salendo sul palco, dopo aver salutato il numeroso pubblico presente ha esclamato in maniera ironica: “Forse mi hanno chiamato un po’ tardi visto che tanti napoletani magari hanno fatto già ritorno in città: ma siete comunque in tanti, e quindi vuol dire che se non altro qualcuno lo abbiamo fatto tornare indietro”. Nel nome del padre ma non solo, il concerto di Francesco Merola è stata una lunga e scientifica escalation che pian piano ha trascinato i presenti. Fino a quando, a un certo punto, la Piazzetta di Perrone è diventata una vera e propria bolgia e pure chi si era avvicinato allo spettacolo con una buona dose di scetticismo, alla fine ha deciso di lasciarsi andare. Non è un caso che a sbellicarsi le mani dagli applausi, tra gli altri, c’erano anche i sindaci di Casamicciola e Lacco Ameno Giovan Battista Castagna e Giacomo Pascale, i consiglieri del Comune termale Giovanni Barile e Ciro Frallicciardi. Tutti, al termine del concerto, hanno voluto congratularsi con l’artista che si è volentieri concesso ad autografi, strette di mano, selfie e dediche di varia natura. La serata è stata conclusa da un suggestivo spettacolo di fuochi pirotecnici che ha evidentemente voluto rappresentare anche un saluto all’estate che ormai sta per andare in archivio.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close