ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Piazzetta Rittman liberata dai rifiuti, i residenti «vogliamo più controlli»

dalla redazione

Ischia  – Dopo diverse sollecitazioni di alcuni abitanti della zona, denunce che hanno fatto il giro del social network, e il nostro articolo pubblicato nell’edizione di domenica scorsa, finalmente Piazzetta Rittman che porta a uno degli angoli più suggestivi della nostra isola, il belvedere del vecchio carcere alla Mandra, è stata liberata dal cumulo di rifiuti che giaceva lì da diverse settimana. «Oggi – domenica n.d.r. –  nella tarda mattinata, è stato finalmente rimosso il cumulo dei rifiuti; alle 15:00 è passato nuovamente un furgone a controllare che non ci fosse più nulla. I primi sacchetti erano apparsi all’Epifania. La stessa persona che in ditta prese la segnalazione già altre volte ha provveduto a far pulire celermente la zona, ma questa volta la cosa non ha funzionato nel modo giusto. Speriamo però che almeno una volta a settimana si passi a raccogliere sacchetti sparsi e a fare una spazzata». I residenti più volte hanno lamentato un completo abbandono della zona e chiedono, oggi, che vi sia un controllo maggiore, non solo d’estate, ma anche d’inverno affinché non si arrivi più a vedere muri d’immondizia. «Istituire un controllo notturno dei vigili urbani – è questa la proposta di Claudio Ciriminna, residente del posto – per sanzionare gli incivili attivo anche in inverno un solo giorno a settimana a rotazione, i punti son sempre gli stessi, disincentiverebbe non poco chi abitualmente molla la propria immondizia in strada. Non è giusto che tutte le mattine i dipendenti di Ischia Ambiente debbano rimuovere sacchetti lasciati ovunque (e già lo fanno su tutte le strade principali) ma certo non ci si può scordare per settimane di luoghi come piazzale Rittman, che se anche non così importanti, sono comunque di passaggio per tanti turisti che vogliono raggiungere il Castello da Ischia Porto e viceversa». La richiesta di un controllo serrato e di sanzioni per punire gli incivili, era già stata fatta la scorsa estate da parte dei residenti di Via Pontano e del tratto iniziale di Corso Vittoria Colonna che, in concomitanza con la fine del weekend, si trovavano buste della spazzatura non differenziata depositate barbariamente tra le auto parcheggiate lungo la strada. Per non parlare dei cestini per i piccoli rifiuti posizionati lungo i marciapiedi che venivano utilizzati dai più come cassonetti; molti turisti fotografarono quello scempio, denunciandolo sui loro profili facebook, perché costretti a dover fare lo slalom tra le buste per raggiungere il Castello Aragonese. Con la fine dell’estate sembrava essersi calmata questa brutta abitudine che però, purtroppo, continua a esistere in altre zone. Probabilmente, ad oggi, quella delle multe, potrebbe essere la soluzione giusta per far sì che questa cattiva abitudine cessi una volta e per tutte. Chi sbaglia a fare la raccolta differenziata può imbattersi in una multa dall’importo compreso tra i 25 e i 620 euro, sulla base del tipo di violazione. In particolare, la multa va dai 25 ai 155 euro per chi utilizza i contenitori per depositare materiali diversi da quelli indicati dal gestore della raccolta e dai 25 ai 155 euro anche per chi deposita i sacchetti in orari diversi da quelli indicati dal Comune. A mali estremi, estremi rimedi? Ma anche sì se questo significa far rispettare e rendere bella la nostra isola.

 

 

 

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button