Statistiche
ARCHIVIO

Tra problematiche e proposte, il mondo del commercio a rapporto dal Sindaco di Ischia

dalla redazione

Ischia – Sono stati tanti i commercianti delle varie zone del Comune d’Ischia ad aver risposto all’appello lanciato dal Sindaco di Ischia Enzo Ferrandino. Oggetto della riunione l’ ascolto delle problematiche delle diverse zone, quali Ischia Ponte, il Corso e la Riva Destra per ripartire, insieme, al rilancio del territorio. Già da prima delle vacanze di Natale sono state tante le polemiche da parte di alcuni commercianti, come quella di Marco Bottiglieri che lamentava la chiusura del traffico lungo il Corso nei giorni precedenti al Natale. Stesso problema, ieri mattina, è stato presentato dai commercianti di Ischia Ponte che, con il traffico chiuso, d’inverno, restano completamente da soli nel borgo.  E in Riva? Lì c’è il problema dell’acqua alta a causa della quale  molti, tra turisti e isolani, decidono di trascorrere la serata altrove. «Tra gli auspici per il nuovo anno – ha esordito il Sindaco – c’è quello di sentirsi comunità, l’Amministrazione vuole intraprendere un serio confronto con la popolazione e cominciamo oggi con il mondo del commercio. Ischia vive un momento di declino reso ancora più grave all’indomani del 21 agosto quando, oltre ai danni dovuti al terremoto, abbiamo ricevuto diversi danni d’immagine. Oggi c’è la necessità di riattualizzare il prodotto turistico su quelli che sono i nostri elementi di forza come la cultura, le terme, la cucina, allontanando lo stereotipo di Ischia come località a basso costo. In sinergia con le altre cinque municipalità è stata approvata una delibera per unificare l’imposta di soggiorno che ci metterà in condizione di avere provviste per il rilancio dell’isola. Con il coinvolgimento della Regione Campania metteremo in atto delle iniziative per migliorare il contesto in cui bisogna svolgere l’attività turistica». Tra le questioni affrontate c’è quella relativa al traffico veicolare, un problema da risolvere con l’impegno di tutti, «da sempre – ha continuato il Sindaco – gli ischitani hanno un rapporto morboso con l’auto e l’amministrazione ha cercato, e cerca, di coltivare sul territorio zone a traffico limitato. Dobbiamo cercare di scoraggiare la popolazione all’uso dell’auto in modo particolare a ridosso del centro storico così da migliorare l’immagine del territorio per chi frequenta la nostra isola. Sarà compito dei Vigli Urbani controllare che vengano rispettate le soste a pagamento, gli orari delle ztl, ma anche le ordinanze sui rifiuti ed eventuali attività di accattonaggio. Di comune accordo con l’Eav vogliamo ridisegnare il sistema di collegamento delle aree periferiche con le zone centrali. Come Pubblica Amministrazione ci tengo che ci si confronti così da avere la consapevolezza degli obiettivi da portare avanti per migliorare l’isola». L’idea è quella di suddividere le zone del commercio in più macro aree così da ascoltarne le relative problematiche e giungere, insieme a una soluzione. Non sono tardati ad arrivare i contributi dei diversi commercianti legati alla questione traffico veicolare per risolvere la quale, sono tutti d’accordo, bisogna sì portare a termine la costruzione dei due parcheggi Jolly e Siena, ma istituire delle navette con i parcheggi periferici. Da Ischia Ponte è arrivata invece la proposta di riaprire il pontile all’approdo di barche turistiche; così facendo, molti turisti, potranno passeggiare peri il borgo e spendere senza il problema di auto o autobus. Pensare strategie per far arrivare sull’isola un certo tipo di turismo, chiedere agli alberghi di restare aperti anche d’inverno per destagionalizzare l’offerta e darsi un pizzico sulla pancia, restando aperti di domenica e andando a modificare gli orari in favore del turismo.  Un prossimo incontro si terrà alla fine del mese di gennaio.

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x