CRONACA

Sisma e rimborsi, Schilardi tira le somme

Il commissario alla ricostruzione illustra ai sindaci del cratere le disposizioni della nuova legge di bilancio relative alle compensazioni Tari e alle assunzioni sismiche

Con la recente legge di bilancio approvata dal Parlamento, sono arrivate anche diverse attese misure per i Comuni. Tra esse, le previsioni di compensazioni dei maggiori costi o delle minori entrate registrate a titolo di Tari, ai sensi dell’articolo 32 comma tre della legge di ricostruzione post-sisma. Il commissario straordinario delegato alla ricostruzione, il prefetto Carlo Schilardi, ha inviato una nota ai tre comuni isolani colpiti dal terremoto del 2017, Casamicciola, Lacco e Forio, illustrando le norme approvate dallo Stato centrale, a partire dalla proroga della gestione straordinaria per l’attuazione delle misure di ricostruzione fino al 31 dicembre 2022. La missiva contiene alcune precisazioni, in merito alle compensazioni citate, ma anche relativamente agli oneri per le assunzioni a tempo determinato di personale addetto alla ricostruzione, le cosiddette “assunzioni sismiche”.

In merito alle compensazioni delle spese affrontate dai comuni in relazione alla Tari, il Commissario ha evidenziato che l’autorizzazione di spesa prevista per il 2022 è pari a 820mila euro, oneri che come negli anni precedenti continueranno a gravare sulla contabilità speciale della struttura commissariale di Palazzo Armieri. Sul punto, il prefetto Schilardi ha richiamato l’attenzione per far sì che i Comuni, in occasione della ricostruzione degli immobili dichiarati inagibili – cosa che peraltro è riscontrabile in base alla parallela sospensione dei contributi di autonoma sistemazione – procedano all’aggiornamento del ruolo per la riscossione del tributo in questione, per poi inviare una relazione al Commissariato, in occasione delle compensazioni, le variazioni intervenute. Invece, per quanto riguarda il rimborso degli oneri relativi al personale a tempo determinato addetto alla ricostruzione, assunto nel 2021, Schilardi ha evidenziato che dalla legge di bilancio è stata prevista per il 2022 un’autorizzazione di spesa per l’anno 2022 di 700mila euro. E qui il Commissario ha precisato che per le citate assunzioni le coperture dei relativi oneri, come già l’anno scorso, non gravano sulla contabilità speciale della struttura commissariale, ma fanno riferimento a un apposito capitolo del bilancio del Ministero dell’Interno gestito dal Dipartimento degli affari interni e territoriali, presso la direzione centrale per la finanza locale.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex