CRONACAPRIMO PIANO

Topi e pesci morti sul porto, ribrezzo (e giallo) a Forio

Il ritrovamento ieri mattina, sul porto la guardia costiera: le analisi affidate all’Istituto zoo profilattico, alla stazione zoologica Anton Dohrn e all’Arpac. Nella giornata odierna dovrebbero arrivare le necessarie risposte

Per adesso resta un mistero. Di quelli che, sia detto alcun giro di parole, fanno decisamente ribrezzo. Perché vedere una moria di pesci morti, ma anche topi di grosse dimensioni, in bella mostra sull’arenile del porto di Forio non è una bella cosa. E se l’occhio umano potrebbe anche non essere particolarmente sconvolto dai primi, è chiaro che i secondi destano ben altra impressione. Ieri mattina all’ombra del Torrione ci si è svegliati così con uno spettacolo raccapricciante e che già di buon ora, complice qualche video postato sui social che si è diffuso a macchia d’olio ed in maniera “stratosferica”, ha messo tutti gli isolani – e non solo – dinanzi ad una realtà di quelle tutt’altro che abitudinarie.

Ma che cosa è successo? Ecco, questa è la domanda alla quale occorrerà dare una risposta che però presumibilmente arriverà nei prossimi giorni, dal momento che sono stati raccolti una serie di campioni per l’effettuazione delle analisi del caso. Analisi che a quanto pare effettueranno una serie di soggetti: l’istituto zoo profilattico, la stagione zoologica Anton Dohrn e la stessa Arpac. Insomma, una sorta di autopsia di cefali e roditori per capire cosa possa averne stroncato un quantitativo così massiccio.

Le ipotesi sono difficili da formulare, premesso che la zona teatro dell’accaduto è già oggetto di divieto di balneazione a conferma che certo non ci troviamo di fronte a un atollo degno della più prestigiosa bandiera blu, per intenderci: escluso l’effetto di un trattamento contro le blatte operato da una ditta specializzata per conto dell’Evi in questi pozzi (operazione, peraltro, svolta oltre un mese fa e dunque cronologicamente non collegabile all’episodio in questione), la strada più percorribile riguarda la presenza di materiale tossico all’interno della condotta che avrebbe dapprima ucciso i ratti e poi fatto altrettanto con i pesci che si trovavano più vicini alla riva.

L’ipotesi più accreditata è che cefali e roditori possano essere stati stroncati da qualche sostanza immessa nelle fogne, dove però hanno accesso anche civili abitazioni, attività commerciali e strutture ricettive. Il fenomeno, per fortuna, è rimasto isolato e circoscritto

E’ noto a tutti che in quel pozzo convergono e si sono andati a collegare nel tempo (in maniera, manco a dirla, assolutamente illegale e fuorilegge) una serie di abitazioni, attività commerciali e strutture ricettive. Capire chi possa aver utilizzato all’interno della sua proprietà qualche prodotto o averne scaricato il contenuto resta un quesito da un milione di dollari. Ma la verità sulle cause della “mattanza” dovrebbero essere più chiare già nella giornata di oggi. Nel pomeriggio i reperti da analizzare sono giunti in terraferma, la risposta sarà un primo passo verso la necessità di fare chiarezza. Anche perché, nonostante siamo davanti a un caso isolato, la deriva “social” è stata terrificante e l’immagine dell’isola non esce assolutamente “rafforzata” da un fatto del genere, per quanto sporadico. E considerato che siamo a settembre e dunque ancora in piena stagione turistica, capirete che c’è poco da stare allegri. Perché la moria di pesci e topi, che ve lo diciamo a fare, ha fatto parlare l’Italia intera. E c’è ovviamente pure chi lo ha fatto lasciandosi andare a proclami da “giorno del giudizio”, giusto per intenderci.

Annuncio

E così, nell’attesa di sbrogliare l’intricata matassa, non resta che affidarsi alle note ufficiali. La prima, e ovviamente più autorevole, è quella diffusa dalla Guardia Costiera di Ischia, nella quale si legge quanto segue: “Nelle prime ore della mattinata odierna (ieri per chi legge, ndr), sono stati rinvenuti all’interno del Porto di Forio, nella zona dell’arenile sud, alcuni pesci spiaggiati, principalmente cefali. Sono stati inoltre rinvenuti nel medesimo arenile circa venti esemplari di roditori. Il personale della Guardia Costiera, si è attivato prontamente, interessando la ASL, l’Amministrazione Comunale e gli altri organi competenti quali l’Istituto Zooprofilattico e la Stazione Zoologica Anton Dohrn.

Nello specifico sono stati prelevati degli esemplari che nelle prossime ore verranno sottoposti ad analisi di laboratorio anche con esami tossicologici a cura dell’Istituto Zooprofilattico. I risultati delle analisi daranno maggiori informazioni sulle probabili cause di questo evento. La Guardia Costiera di Ischia ha inoltre effettuato delle verifiche anche su altri tratti del litorale Isolano, dalle quali emerge che il fenomeno è limitato all’ambito portuale di Forio. Seguiranno eventuali aggiornamenti in stretta collaborazione con gli altri organi competenti”. Aggiornamenti che poi nel corso della giornata, fortunatamente, non sono arrivati, a dimostrazione che il caso è limitato all’area portuale di Forio.

Anche dal vicino palazzo municipale di via Genovino è arrivata una comunicazione telegrafica trasmessa alla stampa e diffusa anche attraverso i canali social: “In merito alla problematica riscontrata questa mattina nell’area portuale di Forio, si informa la cittadinanza che gli uffici preposti sono stati subito attivati per comprenderne le cause per la pubblica e privata incolumità. Le indagini delle autorità preposte sono tutt’ora in corso”. La parola d’ordine, insomma, resta “prudenza” mentre per l’intera giornata di ieri su facebook il dibattito è impazzato come al solito senza alcun senso, filo logico o costrutto: tra chi ha ben pensato di cavalcare l’onda per regalarsi il quarto d’ora di gloria, chi è diventato un esperto e chi all’improvviso si è messo a fare l’emulo dei Ris di Parma, si è vissuta davvero una giornata surreale. Ma visto il modo in cui era cominciata, con quell’immagine di pesci e topi accomunati dalla cattiva sorte su un lembo di sabbia, davvero non ci si poteva attendere nulla di meglio.

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close