CRONACA

Vaccino ai bambini e green pass, nuova protesta a Ischia

Ieri mattina la doppia manifestazione in Piazza degli Eroi e in Piazza Antica Reggia contro il Green Pass e la vaccinazione ai più piccoli

No al green pass. Ieri mattina doppia manifestazione a Ischia, promossa dall’associazione “Resistere per esistere”, in Piazza degli Eroi dalle 10 alle 11 e in Piazza Antica Reggia dalle 11.30 alle 12.30. Diverse decine di persone si sono radunate ad ascoltare le argomentazioni diffuse dai promotori anche tramite volantini, argomentazioni tese a “scardinare” le recenti misure varate dal governo che impediscono a chi non detiene il green pass una serie di attività. Divieti che essenzialmente sarebbero diretti a colpire economicamente diverse attività tradizionali, su cui graverebbe il rischio del fallimento. In pratica, col green pass si favorirebbe lo spostamento on line di una serie di esercizi che spazzerebbe via l’economia al dettaglio, e le centinaia di migliaia di lavoratori impegnati in tali attività. Una tendenza contro cui la cittadinanza è stata invitata a resistere, anche a costo di vedersi inflitte le multe, contro cui rivolgere ricorsi cautelari preventivi. Gianni Vuoso ha ribadito il no al green pass e alla vaccinazione per i bambini: «Il Governo Draghi continua a negare agli isolani il soddisfacimento di esigenze primarie, quali il diritto alla mobilità, che ci viene ancora negata con questa norma». Vuoso non ha mancato di sottolineare l’assenza dei sindaci alla manifestazione, stigmatizzando il disinteresse delle amministrazioni per le problematiche illustrate durante l’evento di piazza. Anche Luciano Castaldi ha rivendicato con fermezza le ragioni della protesta: «Abbiamo dimostrato che esiste uno zoccolo duro di cittadini che non si arrende e non accetta quelli che vengono propinati come dogmi indiscutibili. La nostra è una minoranza di persone che vuole testimoniare la difesa di diritti come quello della libertà di curarsi, di difendere i più piccoli. Un’attitudine che mette in discussione vari postulati pseudo-scientifici, visto che anche la stessa comunità scientifica sul tema ha convinzioni divergenti, non è univoca. Ci sono infatti dichiarazioni contrastanti sia relativamente la diffusione e la pericolosità del virus, che è effettiva, sia relativamente alla reale efficacia dei vaccini. Per questo è fondamentale testimoniare anche qui sull’isola un invito alla riflessione e alla discussione: non è con le imposizioni che si può pensare di convincere gli scettici». Castaldi ha espresso solidarietà anche per quelle categorie che per motivi di salute, anche semplicemente per paura, non possono vaccinarsi: «Vanno rispettate anche loro».

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Brigida

In Germania vi chiamerebbero “Schwurbler”… e vi appellate a diritti ed esigenze vostre ma dimenticate che il primo diritto è la salute di tutti e la responsabilità di garantirla. Dovere di ognuno di noi. Altro che politica, arrampicate sugli specchi e pseudo-diritto a una libertà che viene invocata per voi pochi, dimenticando la stragrande maggioranza che si accolla doveri non proprio leggeri anche per tutelare la VOSTRA salute. Ma so già che passerò per la solita pecora addormentata e voi siete gli eroi…

Controllare Anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex