Giornata mondiale dei poveri: una domenica insieme per sentirci meno soli Domenica scorsa due momenti importanti organizzati dalla Caritas Diocesana, domani la veglia di preghiera, sabato 24 il banco alimentare

<span class="entry-title-primary">Giornata mondiale dei poveri: una domenica insieme per sentirci meno soli</span> <span class="entry-subtitle">Domenica scorsa due momenti importanti organizzati dalla Caritas Diocesana, domani la veglia di preghiera, sabato 24 il banco alimentare</span>

di Isabella Puca

ISCHIA – Un’ atmosfera di gioia e condivisione. E’ così che si è svolta, domenica scorsa, la giornata mondiale dei poveri organizzata qui sull’isola dalla Caritas Diocesana. Tanti appuntamenti per sperimentare la gioia di stare insieme come i due momenti organizzati, al centro di prima accoglienza Giovanni Paolo II di Forio e nella Parrocchia di Santa Maria Assunta. «Sono stati due momenti molto forti – ci ha raccontato Luisa Pilato per la Caritas – a livello diocesano.  Il pranzo nella parrocchia di Santa Maria Assunta ha visto  la presenza del Vescovo, sempre in prima linea, e di tutte le famiglie che ruotano intorno alla parrocchia, persone che vivono in solitudine, o in situazioni per le quali è bello sperimentare la solidarietà e la vicinanza di altre persone». Circa un centinaio tra volontari e ospiti.  «Il secondo momento, si è svolto a Forio, presso il centro di prima accoglienza dove sono state invitate tutte le persone che frequentano la mensa della Caritas aperta a Villa Lavitrano. Con gli operatori delle Caritas parrocchiali e Silvano e Matteo i coordinatori della struttura del centro di prima accoglienza, anche i volontari della mensa del sorriso, che hanno preparato pappardelle alla zucca. Con loro anche i circa 30 che ogni sera si appoggiano alla mensa del sorriso». Sono queste le due realtà che offrono, pranzo e cena gratuito, a chi è in difficoltà. Insieme alla Catena Alimentare Casamicciola riescono a dare un aiuto concreto a quanti non riescono ad assicurarsi un piatto caldo o a chi chiede solo un po’ di compagnia. «Per noi, questa esperienza condivisa, – ha concluso Luisa –  ha avuto anche un valore simbolico. Rispetto ai temi della difficoltà economica,  il nostro auspicio è che ci sia sempre una collaborazione tra noi che abbiamo la sensibiltà di agire in questo settore. Da soli si fa molta più fatica, quando si collabora invece si ha una forza  più grande. Il clima è stato davvero bello, tutti sono andati via contenti dell’esperienza fatta». I due momenti dello scorso 18 novembre son solo alcuni degli appuntamenti pensati dalla Caritas Diocesana di Ischia per la seconda giornata mondiale dei poveri  istituita da Papa Francesco, come segno tangibile del Giubileo straordinario della Misericordia. Ischia non è un’isola felice, il tasso di povertà è alto e non riguarda soltanto i tanti stranieri che hanno messo le radici nel nostro territorio, ma soprattutto ischitani. Prossimo appuntamento ci sarà domani 22 novembre alle 21.00 con una veglia di preghiera per il mondo del volontariato presso il centro di prima accoglienza Giovanni Paolo II, il 24 novembre  dalle ore 9:00 la raccolta alimentare presso tutti i supermercati dell’isola che hanno aderito all’iniziativa promossa dalla Caritas diocesana ischitana.

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment