ARCHIVIO 2ARCHIVIO 5

Sotto Tiro di Mizar,Signori…si cambia

In giro per il paese tra banche, ufficio postale e negozi ti accorgi che tira una aria di disfacimento. Alla UBI di via A.DE Luca, per lavori in corso, ti fanno aspettare il turno fuori la porta al freddo. Alla posta non funziona l’apparecchio per la fila e ti tocca chiedere chi è quello che ti precede e tante volte si creano anche difficoltà tra cittadini.

Al supermercato, l’amministrazione, che concede agli amici lo spazio per la sosta non autorizzata, trovi la vigilessa che secondo l’umore ti permette di fare la spesa o meno. E qualche volta ti becchi la multa. Paghi due euro di sosta ma l’ora non è sufficiente per pagare le bollette. Ancora un euro. Ti accorgi che sul telefonino, con Vodafone, il credito di 20 euro è diventato di 3 quando ti hanno detto che il primo mese non pagavi ed il credito avrebbe dovuto essere di 20 euro.

Nei negozi noti poca considerazione per il cliente. Tanto il negozio non è della commessa. Signori o si cambia tutti insieme o vivere in questa società diventa una vera fatica. Si ha l’impressione che ormai si viva solo per i propri interessi. Eppure c’è tanta gente che vorrebbe contribuire a far vivere meglio tutti noi.

Sull’isola la solidarietà in alcuni settori è ammirevole. Perchè non si riesce ad allargare la visione del nostro vivere civile? Se segui la televisione ed i giornali ti accorgi che le notizie vengono date solo per creare clamore. Ormai non sai più distinguere una notizia vera da una falsa. Hai sempre il sospetto che ci sia un didietro che interessi qualcuno.

Che fai ti isoli? E non diventa pericoloso per il tuo equilibrio interiore? Forse se ti dai all’orto qualche soddisfazione te la prendi. Un bel cavolo a merenda è forse meglio che andare in giro ?

Annuncio

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close