CRONACAPRIMO PIANO

11.000 arrivi nel weekend, Ischia comincia a rialzarsi

Segnali positivi e questa settimana riaprono anche diverse strutture ricettive: sbarcate 1.700 autovetture. E la Guardia Costiera eleva sanzioni per natanti sottocosta e moto d’acqua nell’area marina protetta

I numeri, per quanto ancora lontani da quelli cui è abituata una “Ferrari” del turismo come Ischia, continuano a salire. E questo è un segnale positivo, in apertura di una settimana che comunque vedrà l’apertura di molte strutture ricettive, il che darà anche all’utenza vacanziera un ventaglio di opportunità maggiore rispetto a quello esiguo che si registra fino ad oggi. Nelle giornate compresa tra il 12 e il 14 giugno, infatti, sull’isola d’Ischia si sono registrati circa 11mila arrivi cui hanno fatto da contrappeso 8mila partenze. Le vetture sbarcate a Ischia sono state 1.700, quelle che hanno lasciato lo scoglio 1.300. Ovviamente altri movimenti sono avvenuti, soprattutto in termini di partenze, anche nella giornata di ieri.

Nel frattempo nello scorso weekend la Guardia Costiera di Ischia ha intensificato i controlli di sicurezza in mare e lungo il litorale dell’isola, anche in conseguenza del progressivo aumento di diportisti e bagnanti. In particolare, le unità navali hanno effettuato oltre 40 controlli ad unità da diporto, accertando alcune violazioni amministrative. Nello specifico, sono state elevate sanzioni per la presenza di unità sotto costa, in violazione all’ordinanza di sicurezza balneare n. 35/2020 dell’ufficio Circondariale Marittimo di Ischia. Inoltre, durante i controlli, è stata accertata e sanzionata la presenza di moto d’acqua all’interno dell’area Marina Protetta. Al riguardo, fermo restando il regolamento dell’area Marina Protetta Regno di Nettuno che ne vieta l’utilizzo in tutte le zone dell’area marina stessa, si ricorda che la disciplina di utilizzo delle moto d’acqua, fuori dalla AMP,  è contenuta nell’ordinanza n. 41/2017 dell’ufficio Circondariale Marittimo di Ischia. Infine si ricorda a tutti i diportisti che nella fascia costiera entro mille metri dalle spiagge e 500 metri dalle coste rocciose, il limite di velocità per le unità a motore è di 10 nodi in dislocamento.

“La Guardia Costiera di Ischia – si legge in una nota diffusa dal locale ufficio circondariale marittimo – proseguirà nelle attività di controllo a tutela di tutti gli utenti e dell’ambiente marino e costiero, raccomandando a tutti i diportisti e bagnanti il pieno rispetto delle norme di sicurezza in mare al fine di prevenire ogni situazione di potenziale criticità”

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button