CRONACA

Abolizione del Patronato, Casamicciola sfida Lagnese

Assegnato l’incarico legale per proporre ricorso contro il decreto, emanato dal Vescovo, che cancella il privilegio comunale con annesso diritto di presentazione per la nomina del parroco della Basilica di Santa Maria Maddalena

Il provvedimento era nell’aria da giorni. La giunta municipale capitanata dal sindaco Castagna ha conferito l’incarico all’avvocato Alessia Gullo per proporre il ventilato ricorso contro il decreto di cessazione del diritto di Patronato, con annesso diritto di presentazione, presso la Basilica di Santa Maria Maddalena Penitente. Si tratta, lo sanno ormai tutti, dell’antico privilegio che riserva al Comune di sottoporre una terna di nomi tra i quali il Vescovo sceglie il nuovo parroco. Un diritto plurisecolare che Monsignor Lagnese ha dichiarato abolito, scatenando malumori presso la comunità locale dei fedeli: eguale iniziativa, con analoghi effetti, è avvenuta per la Chiesa di San Vito a Forio, dove l’opposizione si era già concretizzata in una delibera di consiglio comunale contraria alla richiesta del Vescovo, prima che quest’ultimo emanasse il decreto di abolizione. Dunque il Comune di Casamicciola è passato all’azione, sfidando Lagnese: l’avvocato Gullo dovrà quindi proporre la cosiddetta “Remonstratio” per rivendicare l’antico diritto.

Comunque anche sul fronte foriano l’amministrazione  è pronta a varare analogo provvedimento. Finora sono stati consultati alcuni professionisti esperti di diritto canonico, ma non è ancora stato conferito l’incarico. i tempi però stringono e la nomina avverrà a breve.  Il sindaco di Forio, Francesco Del Deo ha dalla sua parte una petizione con oltre 1500 firme, indice rivelatore della determinazione  con cui la comunità intende difendere il suo secolare diritto, senza accontentarsi della “celebrazione mensile di una messa in favore del popolo, una annuale in suffragio gli amministratori comunali e benefattori della chiesa parrocchiale defunti e un’altra in favore degli amministratori comunali pro-tempore”, che il Vescovo Lagnese ha offerto a compensazione.

Tags

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close