Statistiche
CRONACA

Affittanze abusive pubblicizzate anche on line, trenta denunciati

E’ il risultato più significativo dell’attività compiuta dai carabinieri nel fine settimana di Ferragosto: proprio la presenza sul web ha consentito ai militari dell’Arma di individuare i responsabili. Una villa era stata trasformata dalla proprietaria in un Bed & Bereakfast

L’imponente spiegamento di uomini e mezzi non aveva nemmeno bisogno di essere annunciato, visto che i servizi di controllo del territorio erano andati avanti ininterrottamente dall’inizio della settimana scorsa. Ma quello che ci siamo messi alle spalle è stato un Ferragosto di intenso lavoro per i carabinieri della Compagnia di Ischia, guidati dal cap. Angelo Pio Mitrione, impegnati nella prevenzione e repressione di ogni forma di legalità in uno dei periodi di maggiore affluenza turistica. Un servizio che ha visto in prima linea il Comando Provinciale di Napoli e dunque tutte le località di vacanza, sia le isole che le costa. E non a caso in una nota si parla di imponente dispositivo di sicurezza messo in campo per garantire e vacanzieri ma anche residenti un 15 agosto senza brutte sorprese. Per riuscire nell’intento sono stati impiegati 1.288 carabinieri sul territorio, con 450 servizi in pattuglia e perlustrazione, 4 natanti dispiegati in mare: una presenza rassicurante e costante – e, appare quasi scontato aggiungerlo, anche cospicua dal punto di vista quantitativo – assicurata anche dai cielo dell’occhio elettronico dell’elicottero dell’Arma, in volo nelle aree più affollate di città e provincia. Per la cronaca sono state controllate 4mila persone e più di mille veicoli.

Fioccano i verbali anche in mare, con sanzioni elevate per eccesso di velocità e per la pericolosa navigazione sotto costa. In azione anche i Nas, riscontrate carenze sanitarie in un ristorante di Ischia, in un altro di Lacco Ameno e in due pasticcerie sempre del Comune del Fungo

Imponente il dispositivo di sicurezza messo in campo per garantire a turisti e vacanzieri un 15 di Agosto senza brutte sorprese: oltre 1288 i carabinieri impiegati sul territorio, 450 i servizi in pattuglia e perlustrazione, 4 i natanti dispiegati in mare. Una presenza rassicurante e costante, assicurata anche dai cieli dall’occhio elettronico dell’elicottero dell’Arma, in volo nelle aree più affollate di città e provincia.

Ma soffermiamoci su quanto accaduto sulle isole di Ischia e Procida, dove è stata posta enorme attenzione. Ebbene, i militari della Compagnia guidati dal capitano Angelo Pio Mitrione hanno denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria oltre trenta persone che avevano fittato abusivamente le proprie abitazioni, convertendole di fatto in strutture ricettive e omettendo di comunicare all’autorità di pubblica sicurezza le generalità degli ospiti. E per rendere accattivanti e promozionare al meglio gli alloggi messi a disposizione dell’utenza turistica, si è anche aguzzato l’ingegnmo: è il caso della proprietaria di una villa di Ischia che aveva adattato cinque camere della sua struttura a minimi appartamenti, fittandoli con la formula del Bed & Breakfast con tanto di pubblicità sui principali siti di annunci on line. Ma attenzione, perché se da una parte la tecnologia apre strade e sentieri inimmaginabili in passato, spesso si rivela anche un’arma a doppio taglio. Infatti è stato proprio grazie al web che i carabinieri sono riusciti a contrastare un fenomeno ormai incancrenito sull’isola. Quando i proprietari di immobili hanno avuto la “brillante” idea di pubblicizzare indiscriminatamente su siti di annunci on line e social le proprie abitazioni – riconvertite per la stagione estiva in mini residence o addirittura improvvisati hotel – gli stessi sono stati facilmente rintracciati e deferiti all’autorità giudiziaria.

Ads

I militari dell’Arma hanno presidiato anche la fascia costiera delle due isole del Golfo grazie all’impiego delle motovedette dell’Arma, votate alla tutela dei bagnanti ed al rispetto del codice della navigazione. Sempre nella nota diffusa dal Comando provinciale si legge che sono state sorvegliate le aree marine protette affinché natanti e bagnanti non danneggiassero l’enorme patrimonio culturale in esse custodito e che sono state sanzionate decine di imbarcazioni per eccesso di velocità e per aver navigato pericolosamente sotto costa. Si è poi rivelata determinante la collaborazione di unità cinofile dislocate nei porti che di fatto hanno svolto il ruolo di “barriera” consentendo di evitare che malintenzionati portassero sulle isole sostanze stupefacenti destinate ad inondare le zone della movida”.

Ads

Ma sull’isola hanno fatto tappa in occasione del Ferragosto anche i carabinieri del NAS (Nucleo Anti Sofisticazioni) che hanno effettuato imponenti controlli alimentari ispezionando decine di ristoranti e bar del versante costiero, quello ovviamente più frequentato, anzi preso d’assalto, dai turisti. Tra le attività sanzionate per carenze igienico-sanitarie riscontrate all’atto della verifica dei militari una pizzeria di Ischia e due pasticcerie ed un ristorante di Lacco Ameno. Insomma, un “poker” che certo non può essere esibito con orgoglio o come valido biglietto da visita.

In prima linea anche i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Napoli, impegnati nel verificare la corretta applicazione delle norme per la sicurezza sul lavoro. Focus sugli stagionali e sui lavoratori spesso scoperti da forme contrattuali e assicurative. Controlli nei luoghi della “movida”, nelle discoteche, negli stabilimenti balneari e in tutti i luoghi di potenziale assembramento col duplice scopo di tutelare la salute pubblica e garantire la sicurezza dei lavoratori, contrastando l’impiego “in nero” e lo sfruttamento del lavoro. I controlli proseguiranno ed anzi saranno intensificati per l’intero periodo estivo.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x