CRONACA

Contro il parassita killer la Regione potrebbe schierare il “super insetto” buono

L’assessorato alle politiche agricole risponde all’appello partito dal consiglio di Forio e non esclude la possibilità di monitoraggi e interventi già a partire dai primi mesi del 2020

Una guerra tra insetti. Solo questa prospettiva potrebbe salvare buona parte del patrimonio arboreo dell’isola minacciato dalla presenza del Cinipide Galligeno un insetto particolarmente aggressivo e nocivo per gli alberi isolani che potrebbe compromettere la flora di tutta Ischia. Contro il divoratore del nostro verde ci si appella all’insetto buono, antagonista del killer dei boschi.

A sollevare la questione era stato soprattutto il consigliere comunale di Forio Gianni Mattera che aveva richiesto un intervento urgente finalizzato ad inserire il territorio del Comune turrito e quello dell’intera isola d’Ischia nei programmi di lotta biologica al Cinipide Galligeno del castagno, mediante lanci programmati e ben dimensionati alla gravità della situazione in atto, dell’insetto antagonista specifico.

Come aveva già fatto notare in primavera l’agronomo Francesco Mattera, un intervento localizzato non ha efficacia nel medio-lungo periodo. Solo una campagna di disinfestazione sinergica secondo un approccio integrato e di sistema potrà forse garantire risultati duraturi. Il grido d’allarme si ripropone a Forio, dopo che già in maggio sull’isola si era parlato della pericolo estinzione castagne made in Ischia. Il danno è causato da un parassita che sta compromettendo la vitalità dei castagneti procurando il serio rischio di vedere decimato il patrimonio arboreo del comune montuoso dell’isola, ma non solo.

Le segnalazioni da parte dei cittadini non si contano. Portano tutti testimonianza dall’infestazione del Cinipide Galligeno su tutti i castagneti del territorio comunale e stando alle testimonianze che provengono dal resto del territorio isolano anche le altre aree arboree dell’isola non sarebbero rimaste immuni dall’infestazione. Ci si era appellati alla Regione per chiedere aiuto, e ora l’assessorato alle politiche agricole, alimentari e forestali risponde. In riferimento alla vostra nota del 29.11.2019, acquisita agli atti di questo Ufficio con prot. n. 730569 del 02/12/2019, con la quale si chiede l’inserimento del comune di Forio e dell’intera isola di Ischia nei programmi di lotta biologica al Cinipide del castagno mediante lanci dell’insetto antagonista, nel prendere atto della problematica evidenziata, probabilmente dovuta al tardivo insediamento sull’isola rispetto al restante territorio regionale, del Cinipide e dell’antagonista, con la presente si comunica che, al momento, non è prevista la realizzazione di un programma di lanci effettuati direttamente dalla Regione Campania.

Tuttavia, nell’ambito della collaborazione attivata con il CNR — IPSP di Portici, nei periodi più opportuni (fine inverno – inizio primavera 2020), sarà possibile effettuare sul territorio dell’isola un monitoraggio del grado di infestazione del parassita e di insediamento dell’antagonista, nonché eventuali lanci di Torymus sinensis utilizzando individui sfarfallati dalle galle parassitizzate negli anni precedenti e raccolte in altri siti della regione Campania dove l’antagonista è insediato. Per tale attività, al fine di garantire la buona riuscita dell’iniziativa, la S.V. è invitata a fornire al personale incaricato la massima collaborazione.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close