ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5CRONACAPOLITICAPRIMO PIANO

Forio, aggiornata la tassa di soggiorno: 4 euro al dì per i 5 stelle

Tassa di soggiorno: croce e delizia dei comuni turistici. L’erogazione di migliaia di euro alle casse delle amministrazioni è una boccata di ossigeno fondamentale per consentire l’attuazione di progetti e investimenti che possano dare interessanti input al turismo isolano, ma nel corso degli ultimi anni non sono mancati i problemi a cui il comune turrito tenta di porre rimedio.

Le tariffe così come deliberate nel 2017 hanno portato con sé un carico notevole di seccature di non poco conto. Soprattutto per quanto riguarda l’interpretazione nell’applicazione delle tariffe per le case e gli appartamenti e le case e gli appartamenti per le vacanze. Si è resa necessaria quindi l’uniformazione della tassazione.

Questa la strada intrapresa dalla giunta di Forio per eliminare i problemi di disparità finora avuti e migliorare l’apporto di denaro alle casse del comune.

Con voto positivo di tutta la Giunta, composta da Angela Albano, Daniela Amalfitano, Luigi Patalano, Davide Castagliuolo, Mario Savio si è quindi deliberato la nuova tariffazione.

Per case e appartamenti, imbarcazioni da diporto, agriturismi, Bed and Breakfast, ma anche per affittacamere, case e appartamenti per vacanze e case per ferie la quota tariffaria al giorno è fissata a 1 euro. Stessa cifra anche per residenze turistiche alberghiere e campeggi a una o due e tre stelle.

Per i 4 stelle la tassa di soggiorno quotidiana sale a 1,50 euro. Mentre per le strutture a 5 stelle, la tassa di soggiorno è fissata a 2 euro al giorno. Queste le tariffe per la bassa stagione, dal primo gennaio al 31 marzo e dal primo novembre al 31 dicembre.

In alta stagione, ovvero dal primo aprile al 31 ottobre tutte le tariffe sopra descritte vengono raddoppiate, partendo quindi da un minimo di due euro al giorno fino ad arrivare a 4 euro al giorno per le strutture alberghiere a 5 stelle.

Il gettito d’imposta derivante dalla tassa di soggiorno, oltre a essere destinata a finanziare interventi riguardanti attività di promozione turistica può anche essere dirottata per interventi riguardanti attività volte a incrementare la sicurezza del territorio, come ad esempio l’assunzione di vigili stagionali. Ma anche interventi riguardanti la manutenzione del territorio. Avere, infatti, un territorio bello e pulito è sicuramente un incentivo turistico: ospiti che si aggirano su strade, spiagge e marciapiedi sporchi o fatiscenti è un sicuro deterrente alla serenità del villeggiante, che vorrebbe avere a che fare con un territorio idilliaco, non un coacervo di degrado. Altra destinazione d’uso è la tenuta e la manutenzione delle pinete comunali, altro tassello che rende un territorio a vocazione turistica più bello e accogliente.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close