POLITICAPRIMO PIANO

Forio, lo “scellino” e l’orgoglio panzese

A Il Golfo parla Cristian Castaldi, recentemente nominato assessore dal sindaco Francesco Del Deo. La conferma che l’investitura punta a rinforzare presenza e necessità di lavorare per la frazione, poi uno sguardo al futuro e pure un messaggio alla minoranza: «Non rappresento un problema»

A volte ritornano, recita un antico adagio. Cristian Castaldi lo fa rientrando da assessore: cosa rappresenta per Lei questa nomina?

«È un ritorno, ma in realtà non me ne ero mai andato. Ho continuato a seguire a distanza la scena politico-amministrativa. La differenza è che oggi c’è l’opportunità di poter realizzare cose importanti per la frazione di Panza, che negli ultimi anni era stata forse un po’ trascurata, ma attenzione: non per volontà del sindaco, ma semplicemente perché le figure che dovevano adoperarsi per cercare di soddisfare le esigenze dei cittadini, forse per una questione di inesperienza, non hanno compiutamente realizzato gli obiettivi. Siccome io ho già cinque anni di esperienza politica alle spalle, il mio rientro è funzionale a una serie di attività che stiamo già per varare, e che saranno realizzate nei prossimi mesi».

Nominando anche la Solmonese, il sindaco Del Deo ha dimostrato di voler dare spazio e voce istituzionale alla frazione di Panza: condivide questa analisi o la reputa troppo riduttiva?

«Credo sia un’analisi giusta, perché il sindaco è una persona di notevole capacità ed esperienza: le sue scelte sono innanzitutto scelte intelligentemente condivise, adottate nell’interesse della popolazione».

«Il mio è un ritorno, anche se in realtà non me ne ero mai andato perché ho continuato a seguire a distanza la scena politico-amministrativa. La differenza è che oggi c’è l’opportunità di poter realizzare cose importanti per la frazione di Panza»

Ads

Dall’esterno, che impressione ha ricavato degli addii di Gianni Mattera e di Angela Albano alla maggioranza?

Ads

«Gianni è una bravissima persona, come del resto lo è la signora Albano. Non ho tuttavia contezza dei motivi che nei mesi scorsi hanno portato a questa presunta spaccatura in maggioranza. Tuttavia come è noto in politica nulla è definitivo: a volte sorgono problemi di convivenza e di equilibri che vengono a mancare, ma non è mai da escludere un rientro quando ritornano le condizioni per rinnovare tali equilibri».

«Gianni Mattera è una bravissima persona, come del resto lo è la signora Albano. Non ho tuttavia contezza dei motivi che hanno portato a questa presunta spaccatura. Tuttavia in politica nulla è definitivo: non è mai da escludere un rientro»

Su cosa intende concentrare gli sforzi nella sua attività amministrativa e di cosa in particolare le piacerebbe occuparsi?

«Su questo non ho problemi di “scelta”. Il sindaco conosce bene ciò che Cristian è in grado di fare, quindi non ho un tema particolare “preferito”. Sarà il sindaco a indicare le esigenze prioritarie a cui dedicarci. Del resto condividiamo tali priorità, conosciamo perfettamente le necessità del territorio e della popolazione. Non c’è bisogno della delega, che è un atto formale: i problemi si presentano quotidianamente, e si affrontano insieme, senza porre paletti in base alle deleghe. Ho rapporti personali ottimi, sia con i consiglieri di minoranza che di maggioranza. Forse Stani Verde crede che io rappresenti un problema, ma garantisco che non deve preoccuparsi di Cristian, la cittadinanza sa come agisco e quali sono le mie capacità, quindi non vale la pena polemizzare, anche perché lo considero un amico».

Presto l’attuale maggioranza dovrà fare anche i conti con l’eredità di Del Deo. Si riuscirà a pescare dall’interno, come spesso assicura il sindaco, o non è da escludere qualche sorpresa?

«Penso sia prematuro e poco corretto fare nomi quando manca ancora oltre un anno alle elezioni. Credo tuttavia che ci sia già un orientamento condiviso, ma se ne parlerà al momento opportuno».

«Penso sia prematuro fare nomi di candidati quando manca ancora oltre un anno alle elezioni. Credo che ci sia già un orientamento condiviso, ma se ne parlerà al momento opportuno»

Cos’è cambiato dal punto di vista politico e non solo rispetto alla precedente consiliatura che l’ha vista ricoprire il ruolo di consigliere comunale?

«Oggi abbiamo la possibilità di affrontare e risolvere alcune importanti problematiche: bisogna reperire i fondi, e su questo siamo già al lavoro, senza gravare sul bilancio del Comune. Nei prossimi mesi i risultati saranno già tangibili».

Lei entra in questa squadra da adesso e allora le chiedo in che cosa la promuove fin qui e in cosa avrebbe potuto essere più incisiva?

«Finora è stato fatto molto, il sindaco ha spesso illustrato i risultati. Personalmente credo che sarebbe poco simpatico liquidare in poche battute il lavoro altrui svolto fin qui, o addirittura dare giudizi».

«Oggi abbiamo la possibilità di affrontare e risolvere alcune importanti problematiche: stiamo lavorando sul reperimento dei fondi, senza gravare sul bilancio del Comune. Nei prossimi mesi i risultati saranno già tangibili»

Si prospetta un’alleanza tra l’attuale minoranza e il gruppo di Franco Regine in vista delle prossime amministrative, per cercare di “spodestare” l’amministrazione-Del Deo. Quanto è preoccupato?

«Anche in questo caso mi sembra troppo presto per valutare eventuali schieramenti elettorali. Sono convinto che in questo anno che abbiamo davanti l’unica cosa davvero importante è cercare di fare gli interessi dei cittadini, di risolvere i problemi e di migliorare quotidianamente. Poi sarà il popolo a decidere, valutando ciò che è stato fatto».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex