Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Oltre 800mila presenze in meno nel 2020, il Ministero in soccorso di Forio 

Prevista per il Comune isolano la possibilità di partecipare all’avviso pubblico per l’assegnazione del fondo per l’anno 2021 per il sostegno delle piccole e medie città d’arte e dei borghi particolarmente colpiti dalla diminuzione dei flussi turistici dovuta all’epidemia di COVID-19. In ballo 200mila euro 

C’è anche Forio tra i Comuni che possono partecipare all’avviso pubblico per l’assegnazione del fondo per l’anno 2021 per il sostegno delle piccole e medie città d’arte e dei borghi particolarmente colpiti dalla diminuzione dei flussi turistici dovuta all’epidemia di COVID-19. Lo scorso 22 dicembre è stato firmato il Decreto del Ministero dell’interno che prevede la presentazione, da parte dei Comuni individuati, di progetti contenenti misure per la promozione ed il rilancio del patrimonio artistico ai sensi dell’articolo 23-ter del decreto-legge 22 marzo 2021, n.41, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2021, n.69. Il relativo avviso è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Nell’elenco dei Comuni ammessi a concorrere all’assegnazione del fondo, come detto, c’è anche Forio. Che ha registrato un calo di 827.095 presenze. Nel 2019, infatti, il totale delle presenze è stato di 1.295.862, mentre il totale presenze esercizio 2020 è stato di 468.767 con una differenza di 827.095 turisti.

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali – Direzione Centrale per la Finanza Locale ha emanato l’avviso pubblico al fine di sostenere le piccole e medie città d’arte e i borghi particolarmente colpiti dalla diminuzione dei flussi turistici dovuta all’epidemia di COVID-19, l’articolo 23- ter, comma 1, del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, recante “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19”, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2021, n. 69, ha previsto l’istituzione nello stato di previsione del Ministero dell’interno di un fondo con una dotazione di 10 milioni di euro, per l’anno 2021. Le risorse del fondo vengono assegnate sulla base di progetti elaborati dai soggetti interessati che contengano misure per la promozione e il rilancio del patrimonio artistico. Con decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro della cultura, dell’8 ottobre 2021, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 247 del 15 ottobre 2021, sono stati definiti i requisiti per l’assegnazione e le modalità di erogazione delle risorse del citato fondo, sulla base della qualità dei progetti presentati. I Comuni individuati devono avere tre requisiti previsti dall’art. 1 del citato decreto interministeriale dell’8 ottobre 2021: popolazione residente ISTAT alla data del 1° gennaio 2020 inferiore a 60.000 abitanti; presenza dell’ente nella “Classificazione ISTAT dei Comuni italiani in base alla categoria turistica prevalente” determinata da vocazione culturale, storica, artistica e paesaggistica, ancorché non esclusiva; diminuzione, superiore alle 50mila unità, delle presenze nelle strutture turisticoricettive del territorio comunale tra gli anni 2019 e 2020, registrate dall’ISTAT nella rilevazione del “Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi per tipologia ricettiva, residenza dei clienti e comune di destinazione”.

Il Comune di Forio, unico Comune dell’isola di Ischia che ha questi requisiti, può presentare la domanda di contributo per un solo progetto del valore massimo, comprensivo di IVA e di qualsiasi altro onere, non superiore a 200mila euro. Il progetto deve contenere misure per la promozione e il rilancio del patrimonio artistico sito nel comune che presenta la domanda, che riguardino iniziative ed eventi intesi a promuovere la conoscenza del patrimonio artistico, facilitando il coinvolgimento di cittadini e portatori di interessi; iniziative volte ad aumentare la fruizione del patrimonio artistico, ampliandone l’accessibilità a tutte le categorie di utenti in modo sostenibile e inclusivo; attività di studio e ricerca sul patrimonio artistico cittadino da diffondere tramite elaborazione e attuazione di progetti formativi e di aggiornamento; iniziative di promozione e comunicazione, anche digitale, del patrimonio artistico e delle attività di valorizzazione a esso dedicate; servizi di assistenza culturale e di ospitalità per il pubblico.  

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x