ELEZIONIPRIMA PAGINA

Pascale va in ospedale e si ferma, bagno di folla per De Siano

L’ex sindaco sottoposto a controlli, i sanitari gli hanno prescritto il massimo riposo: lo rivedremo venerdì sera per la chiusura. E intanto il senatore infiamma e conquista il pubblico accorso all’Hotel Augusto

Una campagna elettorale surreale, sotto certi aspetti cruenta e in parte anche surreale non poteva smentirsi nemmeno adesso che si avvia ai titoli di coda. E così, dopo che il maltempo aveva “stoppato” due appuntamenti con stampa e cittadinanza dei candidati a sindaco di Lacco Ameno Domenico De Siano e Giacomo Pascale, nella giornata di ieri le sorprese non sono mancate. Partiamo dal “Barone”, che avrebbe dovuto “esibirsi” in Piazza Santa Restituta ieri sera alle 20.

Il suo staff, però, diffonde un comunicato sui canali social nel quale rendeva noto quanto segue: “Si comunica che, purtroppo, stanotte Giacomo (ieri per chi legge, ndr) non è stato bene: ieri sera, dopo una riunione con la squadra, è stato accompagnato in ospedale, dove ha trascorso la notte. Il suo team gli augura di ricaricare subito le pile. Lo stress, le forti emozioni e il grande impegno lo hanno provato. Ma lui è un leone e si riprenderà subito. I medici gli hanno intimato il massimo riposo, quindi l’evento di stasera (ieri, ndr), che aveva comunicato sui social il nostro candidato Leonardo Mennella, è annullato: senza Giacomo, non vogliamo scendere in piazza. Stessa cosa vale per domani (oggi, ndr): solo riposo, la salute prima di tutto”. Con il capo k.o, dovrebbero essere oggi i candidati Leonardo Mennella e Carla Tufano ad incontrare la stampa locale a Lacco Ameno prima della serata di piazza conclusiva in programma venerdì. Per la cronaca a Giacomo Pascale sono arrivati anche gli auguri di pronta guarigione della lista “Sempre per Lacco Ameno” all’insegna del motto “la salute prima di tutto”.

A proposito degli avversari dell’ex sindaco, ieri sera Domenico De Siano e la sua squadra sono stati oggetto di un vero e proprio bagno di folla presso la sala dell’Hotel Augusto di Lacco Ameno, gremita in ogni ordine di posti sia pure nel rispetto delle normative anti Covid. A prendere la parola sono stati Vincenzo Morgera, Carmine Monti, uno scatenatissimo Aniello Silvio (per il quale a un certo punto c’è stata tanto di standing ovation in piedi accompagnata da cori da stadio) e del giovane Salvatore Castagna, prima che a prendere la parola fosse proprio l’aspirante primo cittadino Domenico De Siano. Subito due parole sul messaggio di don Gioacchino Castaldi (“il nostro sacerdote ha ragione, ma non siamo stati certo noi a scadere nell’offesa e nella calunnia”), poi ha voluto riservare una nuova punzecchiatura al sindaco di Forio Francesco Del Deo, ritenuto “troppo vicino” a Giacomo Pascale in questa campagna elettorale: “Prima del voto a Forio c’erano 1.200 residenze in meno, la popolazione residente ed avente diritto al voto è improvvisamente cresciuta a dismisura”, ha chiosato il senatore che poi ha aggiunto: “Un modello, questo, che è stato importato anche a Lacco Ameno, dove di residenze nuove se ne contano 240. Ma fa niente – ha detto rivolgendosi ai presenti in sala – domenica saremo noi lacchesi a dimostrare che siamo ancora la maggioranza del paese”.

E giù applausi a scena aperta. Non c’è voglia di fare ulteriori polemiche ma di raccontare quella che è l’idea di paese. Da uno scempio come quello delle fogne malfunzionanti da cancellare in fretta, ai doppi turni da eliminare a scuola, passando per una zona 167 che deve ritrovare la dignità perduta. E poi Villa Arbusto, la costruzione dei parcheggi, la Lacco Ameno che verrà. “E che comincerà a mettersi all’opera – promette De Siano – un minuto dopo che ci avrete condotti alla vittoria”. Le strette di mano, o meglio i pugni incrociati (che volete farci, il momento è quello che è) e gli abbracci che per una volta si fanno con gli sguardi e non fisicamente. Nella speranza che, dopo la campagna elettorale, possa terminare anche l’incubo più grande.

Foto Franco Trani

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Controllare Anche
Close
Back to top button